News

Chiude “La casa dei randagi”, Licciardello lancia appello all’adozione dei cani

AUGUSTA – Nuovo appello agli amanti degli animali da parte di Enza Licciardello, presidente dell’associazione onlus “La casa dei randagi” che da oltre cinque anni accoglie i cani che le vengono affidati dalla Polizia municipale, ma questa volta si tratterebbe di un ultimo appello, quello all’adozione dei diciotto cani rimasti nel suo rifugio. Dopo la positiva raccolta fondi dello scorso anno per l’acquisto del nuovo terreno in località Baia Arcile dove poi è stato trasferito il ricovero, adesso Enza Licciardello, per motivi di salute, è stata costretta ad annunciarne la chiusura.

Ci ho provato a stare zitta, ma non ce la faccio, è più forte di me! Devo liberarmi di questa rabbia, perché è proprio questa che mi ha ridotta così, e anche se domani dovesse accadermi qualcosa perlomeno mi sarò tolta lo sfizio di aver urlato la mia rabbia! Di aver detto chi poteva aiutarmi e invece mi ha fatto la guerra, chi mi ha ostacolato in tutti i modi possibili, chi se n’è approfittato, chi mi ha preso in giro, chi mi ha perfino denunciato!“. Questo l’amaro sfogo della fondatrice de “La casa dei randagi”.

Con risorse proprie e i proventi delle donazioni avrebbe mantenuto negli anni oltre 1.500 cani, pur senza aver mai ricevuto compensi dal Comune. “Il Comune? Assente. Eppure ho tenuto gratis circa 1.500 dei loro cani!“, ha lamentato.

Un amico mi chiedeva perché io pretendo l’aiuto della gente. In fondo occuparmi di cani è una mia passione. Avrebbe ragione se io i cani li allevassi. Ma io i cani li prendo in strada. Non li allevo per venderli, li prendo per togliervi un problema – ha spiegato Licciardello, ancora una volta –. Perché è a voi tutti che danno fastidio o fanno paura i randagi. Non a me“.

Ma oggi sono io col cuore frantumato per dovermene separare, per chiuderli in una galera. La differenza è solo questa. Oggi piango tutte le mie lacrime, grido tutto il mio dolore. Oggi. Perché non li avete voluti“. Quindi l’appello all’adozione dei venti cani, da questo lunedì mattina diciotto, in quanto due sono appena entrati in canile, dove finirebbero tutti man mano che nella struttura si libereranno dei posti. La volontà di Enza Licciardello è di trovar loro una famiglia prima che ciò accada. Si tratta di maschi e femmine tra i due e i sette anni, tutti sterilizzati tranne tre maschi.

La presidente dell’associazione precisa: “A causa dei miei problemi di salute, devo abbandonare l’idea di ospitare cani, ma comunque il progetto va avanti cambiando direzione, a beneficio di tutte le città e dei proprietari di cani che oggi non hanno ancora un luogo dove poter far correre i loro cani in libertà e sicurezza“.


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2023 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2015/2023 PF Editore

In alto