News

Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: consentite corsetta vicino casa e consegna a domicilio nei festivi

SIRACUSA – “Ho mantenuto la promessa che avevo fatto ai siciliani di una leggera e graduale apertura, per le misure restrittive adottate in occasione di questa devastante epidemia“. Così il governatore Nello Musumeci ha annunciato quest’oggi l’ordinanza numero 17, il primo allentamento rispetto ai provvedimenti precedentemente emanati per il contrasto alla diffusione del Coronavirus.

Un atto di fiducia al popolo siciliano, che ha mostrato grande senso di responsabilità, tranne qualche sparuta pattuglia di incoscienti – ha detto il presidente della Regione – un popolo che ha sorpreso per questa lezione di civismo quanti, ancora oggi, continuano a considerare noi siciliani con superficialità e con giudizi assai approssimativi. La risposta migliore l’abbiamo data“.

Da domani, domenica 19 aprile, sarà nuovamente consentita l’attività motoria all’aperto, la cosiddetta corsetta, così come già previsto dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri, “purché nelle vicinanze della propria abitazione“, ha precisato Musumeci. Mentre era già stata consentita dalla precedente ordinanza regionale la possibilità di passeggiare, sempre in prossimità dell’abitazione, per le persone con disabilità intellettive, relazionali e/o motorie accompagnate dal caregiver familiare.

Sarà ritenuta “situazione di necessità”, cioè motivo valido per uscire da casa, la cura dell’orto, ovvero più precisamente l’attività non imprenditoriale necessaria per la conduzione di terreni agricoli e per la cura degli animali. Vengono consentiti agli stabilimenti balneari la manutenzione, il montaggio e l’allestimento delle strutture, nonché la pulizia della spiaggia di pertinenza, garantendo il distanziamento sociale.

inserzioni

Inoltre da domani sarà concessa la consegna a domicilio di prodotti alimentari e combustibili per uso domestico anche nelle domeniche e nei giorni festivi, che era stata vietata a Pasqua e Pasquetta.

Rimane invariata l’ordinanza che blinda l’accesso alla Sicilia. Per ora è bene che si vada avanti così“, ha concluso Musumeci. Autorizzata soltanto una corsa giornaliera in più, da 4 a 5, per ridurre i disagi in particolare a lavoratori pendolari e personale sanitario sullo Stretto di Messina.


scuolaopenday
In alto