Cronaca

Operazione “Fao 27”, sequestrati 75 chili di prodotto ittico dalla Guardia costiera di Augusta

AUGUSTA – Nei giorni scorsi si è conclusa una complessa campagna concentrata di polizia, denominata “Operazione Fao 27”, effettuata dai comandi territoriali del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia costiera, nella direzione dei controlli sulla filiera della pesca, sia in mare, per mezzo delle unità navali militari, che a terra, sottoponendo a controllo esercizi commerciali, pescherie, ristoranti, mercati rionali e venditori ambulanti.

La Guardia costiera di Augusta ha contestato violazioni alle norme di settore in diversi comuni del compartimento di competenza, ad Augusta come a Lentini, Carlentini e Ferla. E i militari si sono spinti fino a Catania, sotto il coordinamento della Direzione marittima.

Vengono resi noti i seguenti risultati. Complessivamente cinque i sequestri, per un ammontare di circa 75 chili di prodotto ittico, per violazione delle disposizioni che prevedono sia l’obbligo della tracciabilità, che dell’etichettatura, o per infrazione alle disposizioni che vietano, come nel caso del novellame, la pesca e la commercializzazione. Il prodotto ittico sequestrato, non giudicato idoneo al consumo umano da parte dei servizi veterinari competenti, è poi stato avviato a corretto smaltimento, fruendo dei servizi messi a disposizione dalla società Gespi e del Comune di Augusta. Inoltre sono state sequestrate 2 reti da pesca.

Sono state contestate nove sanzioni amministrative per un ammontare complessivo di circa 14 mila euro.


getfluence.com
In alto