News

Un cortometraggio sull’asse Villasmundo-Augusta, ritorno a casa di tre giovani per realizzare “Fili di memorie”

AUGUSTA – È in cantiere un nuovo cortometraggio nel quadrilatero industriale, concepito da due giovani di Villasmundo, frazione di Melilli, e alimentato dall’incontro con un coetaneo di Augusta, tre amici d’infanzia accomunati dalla passione per il cinema e dall’aver lasciato la terra natia per esigenze formative-lavorative, facendovi ritorno con il sogno del progetto cinematografico dal titolo “Fili di memorie“.

I due venticinquenni di Villasmundo si chiamano Sebastiano Pistritto, laureato a Milano in Scienze sociali e sceneggiatore del cortometraggio, e Marco Latina, per tre anni collaboratore di uno studio fotografico a Melilli e regista del corto, attualmente entrambi studenti della “Accademia cinema Toscana” a Lucca. I due hanno già condiviso l’esperienza di realizzazione di un cortometraggio, nel 2017, intitolato “DDI”, in riferimento al disturbo dissociativo dell’identità, thriller psicologico selezionato tra i quindici finalisti di un festival internazionale del corto a Modena. L’augustano è Marco Amara, con una laurea in Comunicazione conseguita a Firenze e attualmente studente in Media e comunicazione digitale a Roma, che nel progetto è il direttore di produzione.

Insieme ad Angelo Latina, fratello maggiore di Marco, che li supporta tecnicamente sul fronte cinematografico, sono i promotori dell’associazione culturale “Sam”, acronimo a cui attribuiscono il significato di “Sicilian academy movie”, un’associazione creata a loro dire “non solo per la produzione del cortometraggio ma per avviare un’iniziativa cinematografica nella nostra provincia“, cioè al fine di “creare una realtà cinematografica qui“.

La sceneggiatura del cortometraggio, che gli autori definiscono “un dramma alla Tornatore“, non per ambizione tecnica ma per ispirazione, si muove sul doppio binario tematico dell’emigrazione siciliana e dell’inquinamento, anche se nella narrazione i luoghi non vengono identificati.

inserzioni

Nel cast figurano, in particolare, l’attore canicattinese Sebastiano Tinè, nel ruolo dell’avvocato protagonista della storia, e l’attrice augustana Anna Passanisi, per interpretare la madre. Venendo alla trama, l’avvocato, da qualche mese, è impegnato in una causa penale a difesa degli industriali della zona, accusati di inquinamento ambientale e delle morti per tumore. Il professionista torna nella propria terra per la concomitanza di due eventi, la morte della madre per tumore e la difesa legale degli industriali proprietari dello stabilimento petrolifero vicino al paese natio, subendo allora un conflitto interiore etico di cui dovrà venire a capo.

Nonostante i temi scelti e l’ambientazione delle scene, con riprese da realizzare tra Melilli, Siracusa e Augusta, gli autori precisano che nella sceneggiatura non ci sono riferimenti a comuni o persone reali.

Il progetto si finanzierà attraverso una campagna di crowdfunding sulla piattaforma online “Eppela”, avviata ieri, e vanta già i patrocini dei comuni di Melilli e di Siracusa, oltre che del Fai (Fondo ambiente italiano) delegazione provinciale. Le esigenze finanziarie sono state abbattute grazie a sponsorizzazioni e diverse prestazioni d’opera volontarie. In particolare, per la scena prevista che ritrae una rivolta popolare contro l’inquinamento, che verrà girata in piazza San Sebastiano a Melilli, si sono raccolte le disponibilità di oltre cento comparse, tutte augustane.

Si sta muovendo tutto il territorio – sottolinea Marco Amara – da chi fa la comparsa, a chi fa da sponsor, a chi mette a disposizione la propria arte, trucco o parrucco o preparazione del cibo. Quando crei un progetto legato al tuo territorio e vedi che il territorio risponde, allora ti tocca dentro e capisci che stai facendo una cosa utile, e ti dà orgoglio“.

Poi partiranno le riprese, in programma dal 2 al 14 ottobre prossimi. Mentre la prima proiezione pubblica dovrebbe tenersi a Siracusa in occasione della “Giornate Fai di primavera”, nel marzo 2020.

(Nella foto di copertina, da sinistra: Sebastiano Pistritto, Marco Amara e Marco Latina)


inserzioni inserzioni
In alto