Politica

Battesimo teso per il neo assessore Spinitta, approvato il regolamento sulla gestione rifiuti

AUGUSTA – Presentato il nuovo assessore agli Affari legali ed ai Servizi sociali, l’avvocato catanese Rosanna Spinitta, una nuova “laica”, non appartenente al M5s come l’assessore all’Urbanistica Luigi Minozzi, e approvato il regolamento per la gestione dei rifiuti, con il nuovo servizio di raccolta differenziata porta a porta, che sostituisce il precedente datato 1990 e troverà avvio il prossimo 15 dicembre nell’Isola.

È quanto prodotto nella seduta del Consiglio comunale, durata circa sei ore martedì nell’aula di Palazzo San Biagio, in cui non sono mancate le accuse tra maggioranza ed opposizione, anche a seguito dell’intervento a mezzo stampa del consigliere di opposizione Giancarlo Triberio. Uno dei temi più “caldi” resta quello della presenza sempre più cospicua di assessori non augustani nella squadra del sindaco Cettina Di Pietro. E a sollevarlo sono stati i consiglieri di opposizione Marco Niciforo e Angelo Pasqua. Il Sindaco ha respinto le contestazioni in merito alla provenienza territoriale dei componenti della Giunta, ritenute “grette e medievali“. Anche perché, ha riferito, già al bando pentastellato pre-elettorale erano state “veramente poche le persone di Augusta che hanno risposto“, “una sola” per la delega al Bilancio, identica sorte per i bandi successivi per l’Urbanistica, “due su quindici“, e il più recente per le rubriche Bilancio e Tributi con “solamente tre augustani su una ventina” di candidati.

Poi un contestato passaggio del Sindaco, percepito come un attacco frontale a un giornalista autore di un articolo pubblicato lo stesso giorno, presente in aula nella sua veste di cronista, di rappresentante della categoria della stampa, ma che per le regole del consesso in cui ciò è avvenuto non ha avuto possibilità di prender parola e difendersi. Gli animi si sono accesi, tra i banchi dell’opposizione e tra il pubblico. Il fatto ha generato una serie di prese di posizione di solidarietà al giornalista, di cui daremo conto in un successivo articolo.

Sedati gli animi, si è presentata Rosanna Spinitta, esprimendo la volontà e l’impegno di lavorare da subito: “Partecipazione della minoranza e del confronto, ci credo fermamente, ci credo che tutte le posizioni politiche devono unirsi in sinergia – ha detto l’assessore Spinitta – ho accettato perché ci credo, seppure le competenze sono diversificate. Oggi ho preso questo incarico con grande entusiasmo. Non sono di Augusta, ma frequento Augusta da venti anni, conosco la storia, i problemi e le difficoltà. Per quanto riguarda le critiche, non ritengo oscurare agli occhi della gente il lavoro che questa giunta sta facendo”.

Si è quindi passati alla discussione sul regolamento per la raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti urbani, illustrato dall’assessore competente Danilo Pulvirenti, che ha lanciato un appello a un voto unanime e contestualmente offerto ampia disponibilità a confrontarsi in vista dell’imminente avvio del servizio, con cittadini ed amministratori di condominio per migliorare anche in corsa il testo del documento approvato con 15 voti favorevoli e che ha visto pure 6 astenuti, con dei distinguo da parte dell’opposizione. Pulvirenti, spiegando anche gli orari del conferimento fissato dalle ore 22 alle 6, ha annunciato lo sblocco definitivo dell’iter per la realizzazione di un Centro comunale di raccolta (Ccr) e di un’isola ecologica itinerante, per far aumentare le percentuali di raccolta che sono salite dal 4 al 7 per cento e che secondo capitolato dovranno raggiungere entro il prossimo biennio il 65 per cento.

Posizioni espresse anche dal presidente della commissione Sanità, Sarah Marturana. Critiche sul regolamento e sull’organizzazione del servizio all’interno dei singoli condomini affidato all’Ati “Megarambiente” sono state sollevate però dal consigliere Pasqua in merito anche ad eventuali costi aggiuntivi, diretti o indiretti. E un coro di proteste si è levato anche da un gruppo di amministratori di condominio presenti in aula. “Non sono state chiarite le modalità di raccolta e l’organizzazione dei servizi e non è stata data attenzione ad una lettera scritta dagli amministratori di condominio che hanno espresso le loro perplessità in merito – ha detto Pasqua –; in tutto questo c’è la consapevolezza che gli augustani avranno un aggravio di costo oltre al pagamento attuale della tassa più elevata in Italia. Abbiamo famiglie che non riescono a fare fronte al pagamento di queste imposte ed invece verranno ulteriormente vessate”.

Polemico l’intervento del consigliere Niciforo. “Non si comprende perché ci si è ridotti dopo diversi mesi ad approvare un regolamento su cui molte cose sono state già avviate – ha detto Niciforo – e su cui sono stati presentati dalla maggioranza ben trenta emendamenti. L’assessore ha dato la sua disponibilità a prevedere delle modifiche in un momento successivo all’approvazione del testo”. Il sindaco Di Pietro ha confermato l’apertura sua e dell’Amministrazione a provare ad ottenere dalla società che gestirà il servizio lo spostamento in avanti di un’ora, fino alle ore 7, per il conferimento dei rifiuti.

In merito alle diverse scelte tra i banchi dell’opposizione, il giorno successivo, i consiglieri di “Attiva mente” Biagio Tribulato e Angelo Pasqua hanno motivato la propria scelta di restare in aula, per garantire il numero legale, ma di astenersi, pur dicendosi “fieri e concordi sul raggiungimento del risultato” finale, a causa di due ordini di motivi: poiché “occorreva seguire tutti i processi democratici percorribili di coinvolgimento dei portatori di interesse in maniera intensa e costruttiva, uno fra tutti un maggiore coinvolgimento degli amministratori di condominio che rappresentano e sono i portavoce di ingenti nuclei familiari della nostra città“; inoltre perché alla domanda se il nuovo sistema “comporterà altri oneri a carico dei cittadini“, non avrebbero ricevuto risposta, avendo “compreso solo che comunque “i carrellati” dovranno essere igienizzati e spostati secondo responsabilità dei cittadini“.

Gli altri punti all’ordine del giorno, tra i quali le mozioni di indirizzo sull’istituzione di organismi permanenti di partecipazione, le proposte di controllo e monitoraggio della rete idrica comunale, l’istituzione di zone da adibire a wi-fi, la realizzazione di una pista ciclabile e la nuova regolamentazione dell’asse viario tra viale Italia e viale Lavaggi, oltre alla verifica delle quantità e qualità delle aree da destinare a residenze produttive o terziarie, sono stati tutti rinviati a data da destinarsi.


Nessuna immagine trovata

In alto