Politica

Ad Augusta raccolta differenziata porta a porta, compostaggio e sgravi fiscali

AUGUSTA – Il sindaco Cettina Di Pietro, l’assessore Danilo Pulvirenti e l’ingegnere Antonio Di Stefano hanno tenuto questo lunedì mattina una conferenza stampa, nella sede della Protezione civile, per presentare il progetto, preannunciato a dicembre, di gestione rifiuti e raccolta differenziata. “Si è giunti finalmente alla stipula di un contratto che cade a fagiolo, alla luce di ciò che sta avvenendo in questi giorni in Sicilia a causa della riduzione del conferimento giornaliero dei rifiuti in tutti i comuni, per decisione del presidente Crocetta”, ha detto in apertura il Sindaco.

Pulvirenti, assessore all’Ambiente, che è stato anche presidente regionale dell’associazione “Rifiuti zero”, è al lavoro in Giunta da quattro mesi. “Il nuovo progetto”, ha esordito Pulvirenti, “mira essenzialmente alla riduzione dei conferimenti in discarica visto che si stima una produzione di quasi 22 mila tonnellate di rifiuti l’anno con una percentuale solo del 4 per cento di raccolta differenziata”. A fronte di tali cifre sconfortanti, si consideri una spesa per i rifiuti che ammonta a 6 milioni di euro all’anno per il servizio di raccolta e trasporto, a cui vanno aggiunti 3 milioni di euro per la discarica.

Pulvirenti ha, altresì, chiarito che il motivo per cui gli uffici di Ecologia sono stati trasferiti nella sede della ex Plastjonica, dal momento che è lì previsto il Centro comunale di raccolta differenziata, dove i cittadini avranno la possibilità di portare la frazione secca, compresi gli ingombranti, per ricevere i relativi sgravi fiscali.

Il capitolato d’appalto per il quale le tre ditte coinvolte, Pastorino, Igm e Ciclat, hanno fatto un’offerta migliorativa è stato realizzato seguendo l’andamento della produzione media calcolata su base mensile dei rifiuti dove si registra un numero di 10 mila utenze nella bassa stagione, a fronte di quasi 16 mila utenze nel periodo estivo.

Il porta a porta richiede un costo maggiore di gestione della raccolta ma di contro ci sarà una riduzione dei rifiuti in discarica anche perché il Comune ha il contratto diretto con il Conai”, ha specificato Pulvirenti, comunicando anche la notizia relativa alla recente stipula di un contratto con una ditta che si occuperà della raccolta di sfalci e potature.

La raccolta differenziata porta a porta è prevista su praticamente l’intero territorio, coprendo il 97 per cento dei residenti. Per il restante 3 per cento, corrispondente a residenti della zona di Agnone Bagni, si farà un servizio differente.

I tempi previsti comprendono un arco di 90 giorni per procedere innanzitutto all’eliminazione dei cassonetti e poi alla distribuzione dei kit necessari. Ogni mastello consegnato per la raccolta sarà marchiato con un codice identificativo del cittadino. Ulteriore novità annunciata: al “compostaggio domestico”, secondo l’aggiornamento del 2015 nell’apposita normativa del Testo unico ambientale, si aggiungerà il necessario per il “compostaggio di comunità”.

Pulvirenti, infine, ha invitato i cittadini a fare domanda per il compostaggio domestico anche perché sarebbe previsto uno sgravio fiscale del 10 per cento. Gli obiettivi per la raccolta differenziata nel periodo dell’appalto vanno dal 67,4 per cento fino al 72,5 per cento entro il 2022. Con la nuova delibera Tari del 2017 preannuncia che la tariffa verrà calcolata sulla base sia dei componenti del nucleo familiare che dei metri quadri dell’immobile.

In chiusura, è intervenuto Antonio Di Stefano, rappresentante delle tre aziende summenzionate: “Il nostro compito insieme all’Amministrazione sarà quello di stabilire una buona campagna di informazione e di mettere a disposizione le risorse in termine di personale. Le percentuali di raccolta differenziata possono essere raggiunte con la massima collaborazione dei cittadini, e da parte dell’Amministrazione con i relativi controlli“.


getfluence.com
In alto