Cronaca

Augusta, cantiere navale sequestrato dalla Guardia costiera

AUGUSTA – È stato sottoposto stamani a sequestro penale un cantiere navale nel territorio di Augusta, a seguito di controlli di polizia ambientale da parte di agenti della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Augusta, unitamente a personale del Libero Consorzio comunale di Siracusa.

Al titolare dello stabilimento, secondo quanto reso noto dall’autorità marittima, viene contestata “l’assenza di un titolo autorizzatorio previsto dalla normativa ambientale” e, altresì, “la presenza di un’area in cui è stato riscontrato un abbandono incontrollato di rifiuti“. Pertanto il titolare è stato deferito all’autorità giudiziaria di Siracusa.

Nella stessa mattinata, con un distinto servizio, gli agenti della Guardia costiera augustana hanno inoltre sottoposto a sequestro penale una vasta area demaniale marittima, pari a circa 10 mila metri quadrati, nel territorio di Priolo Gargallo.

Secondo quanto contestato dai militari, l’area sarebbe stata “occupata, in assenza del relativo titolo concessorio, da una ditta dedita al rimessaggio di imbarcazioni“. Anche in tal caso, il responsabile dell’attività è stato deferito all’autorità giudiziaria aretusea.

Rimane sempre alta l’attenzione della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Augusta – si legge nel comunicato ufficiale – nelle attività di controllo a difesa del territorio ed a tutela dell’ambiente“.


In alto