Politica

Augusta, Covid, da oggi in vigore zona simil gialla. Sindaco: “Non ci sono obblighi né chiusure particolari”

AUGUSTA – Diventano efficaci oggi e lo saranno fino al 6 settembre, ad Augusta come in altri nove comuni siracusani e cinquantadue siciliani, le ulteriori restrizioni per il contenimento sanitario introdotte dall’ultima ordinanza del presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci (la numero 85 del 22 agosto).

Come in una sorta di “zona gialla” non dichiarata, nei comuni interessati dal provvedimento regionale torna innanzitutto l’uso obbligatorio delle mascherinein tutti i luoghi al chiuso e in quelli all’aperto ove sono presenti più soggetti (quali ad esempio strade e piazze)“, con deroghe per under 12, soggetti affetti da patologie che ne rendono incompatibile l’utilizzo e per “coloro che, nel rispetto delle misure di prevenzione, effettuano attività sportiva all’aperto“.

Torna anche il divieto di assembramentonelle aree pubbliche” e, per quanto concerne “attività di banchetto” ed “eventi privati“, si prescrive che “restano ferme le disposizioni vigenti con obbligo di tampone rinofaringeo per gli operatori e per i partecipanti nelle 48 ore antecedenti l’evento“, mentre le disposizioni vigenti nazionali prevedono il tampone quale alternativa al Green pass.

Stamani si terrà il “tavolo tecnico finalizzato al raggiungimento del previsto target del 70% dei vaccinati in prima dose nel territorio comunale“, come auspicato nell’ordinanza di Musumeci, con i dirigenti Asp, i dieci sindaci siracusani (di Augusta, Avola, Carlentini, Francofonte, Lentini, Noto, Pachino, Priolo Gargallo, Rosolini, Solarino) e una rappresentanza locale di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, anche al fine di “attivare modalità di vaccinazione decentrata e domiciliare“. La vaccinazione anti-Covid ad Augusta vede il 54 per cento della popolazione vaccinale (over 12) alla seconda dose e poco più del 60 per cento con prima dose.

In prossimità del 6 settembre, a seguito di monitoraggio del Dipartimento di prevenzione dell’Asp di Siracusa, “nel caso di mancata progressione del target previsto dei vaccinati in prima dose nel territorio comunale e di concomitante diffusione del contagio superiore al parametro di 250 casi per centomila abitanti“, potrebbe essere emanata una nuova ordinanza del presidente della Regione contenente ulteriori misure restrittive. Secondo i dati pubblicati dal Comune ieri mattina, presumibilmente relativi ai numeri elaborati dall’Asp domenica 22 agosto, gli attuali positivi nel territorio comunale sono 235 (per il 55 per cento si tratta di under 35), nuovo “picco” storico, di cui 9 sono ospedalizzati in terapia ordinaria.

È di ieri anche un’ordinanza sindacale che sospende le attività in presenza dell’ufficio Anagrafe di via San Giuseppe, fino a venerdì 27 agosto compreso, per alcuni casi di positività al Covid tra i dipendenti, e quindi i relativi accertamenti sanitari e la necessaria sanificazione dei locali.

Il sindaco Giuseppe Di Mare (nella foto di repertorio in copertina, ndr), attraverso una diretta social nel tardo pomeriggio di ieri, ha inteso tranquillizzare la cittadinanza sulle misure regionali efficaci da oggi. “Non mi sembra sia un’ordinanza che dica cose particolarmente nuove, se non quelle di alzare l’asticella“, ha affermato il primo cittadino, aggiungendo che, a suo avviso, “non ci sono obblighi particolari, non ci sono chiusure particolari“.

Ad oggi l’Estate augustana non viene annullata“, ha infatti precisato in merito al cartellone comunale di eventi chiamato “Augusta d’estate“, che si avvia a conclusione e si sviluppa da metà luglio prevalentemente in piazza Castello, ai giardini pubblici. “Ritengo che sia un luogo sicuro e staremo ancora più attenti“, ha ribadito.

Salta invece la “1ª Sagra della pizza, schiacciata e impanata” promossa dal Comitato commercianti Augusta per venerdì 27 e sabato 28 agosto. “Sarebbe stato più difficile controllare i movimenti, con gli stand – ha motivato Di Mare – quindi, di comune accordo con il Comitato commercianti, abbiamo deciso di annullare quell’evento“.


In alto