News

Augusta, il libro dell’augustano d’America Lobefaro in distribuzione gratuita nelle scuole superiori

AUGUSTA – Proseguono gli appuntamenti del progetto chiamato “It’s all about love” con la presentazione e distribuzione del libro “Il mio amico Olegna” di Gino Lobefaro. L’iniziativa era stata illustrata nei giorni scorsi nel salone di rappresentanza del palazzo municipale, alla presenza del sindaco Cettina Di Pietro e dell’assessore alla cultura Giusy Sirena, e ha visto la pubblicazione presentata dallo stesso autore insieme alla docente Mariada Pansera e con gli interventi tra gli altri di Giorgio Casole, presidente della Commissione comunale di storia patria, e Giuseppe Carrabino, presidente della Società augustana di storia patria.

Lobefaro, vincitore del premio “Idaho writers league 2016”, nasce ad Augusta e vive da oltre quarant’anni negli Stati Uniti ma ha deciso, in un impeto di nostalgia e amore, di dedicare questa fatica letteraria, in lingua italiana, alla sua città di origine, che ne fa da sfondo.

Il progetto, che coinvolge alcuni ex compagni di liceo dell’autore, ha trovato due importanti sponsor privati del territorio, una banca e una cementeria, che hanno finanziato la stampa di quel numero di copie necessarie per distribuirle gratuitamente a tutti gli studenti degli istituti superiori della città.

Una distribuzione già avvenuta nell’Istituto “Arangio Ruiz”, il 12 febbraio, e che proseguirà la prossima settimana per gli alunni del Liceo “Megara”, il 20 febbraio, grazie alla disponibilità dei rispettivi dirigenti Maria Concetta Castorina e Renato Santoro.

Grande interesse ha suscitato martedì scorso il primo appuntamento al “Ruiz”, con l’intervento degli alunni che hanno mostrato interesse e partecipazione ai vari interventi in scaletta. Il coordinamento dei lavori è stato affidato alla docente Rosanna Bellistri.

Dopo i saluti del rappresentante di uno degli sponsor, è intervenuto Giuseppe Carrabino, presidente della Società augustana di storia patria, per proporre una chiave di lettura del volume con particolare riguardo al patrimonio materiale e immateriale.

Dalle pagine di questo libro – ha riferito Carrabino – dobbiamo saper cogliere il bello della nostra città e imparare ad amarla così come ha fatto l’autore del volume, regalando una preziosa occasione di riflessione. “Il mio amico Olegna” non è un libro di storia, ma è soprattutto una raccolta di memorie che aiutano ciascuno di noi a rileggere la nostra storia, la storia delle nostre famiglie, la storia di ogni singola pietra della nostra Augusta. La storia di Gino Lobefaro è la storia di tanti concittadini emigrati in America dove hanno tenuto alto il nome di Augusta“.

Nel suo intervento Carrabino ha ricordato l’impegno di Gino Lobefaro nel tentare di esaltare il “bello” della sua città d’origine. Una bellezza da riscoprire: la bellezza dei luoghi, dei monumenti, delle tradizioni, così come ha fatto il padre di Gino, che per lungo tempo è stato governatore della confraternita di San Giuseppe, custodendo amorevolmente la tradizione della Settimana Santa.

La mattinata al “Ruiz” si è conclusa con la distribuzione del volume ai ragazzi e l’interesse di molti di loro che si sono soffermati a chiedere l’autografo o di porgere domande sull’esperienza dell’autore negli Stati Uniti, sui monumenti di Augusta, sui toponimi e sulle tradizioni della città. È stata proprio la parte conclusiva dell’incontro a registrare il successo dell’iniziativa che, in fondo, aveva proprio questa finalità: suscitare motivi di riflessione per riscoprire il “bello” che identifica la città.


getfluence.com
In alto