Eventi

Augusta, la “Tosca” in piazza Duomo, anticipazioni sull’evento lirico estivo di Marcello Giordani

AUGUSTA – Una certezza, al momento l’unica, della stagione estiva nel cuore della città è la “Tosca” promossa da Marcello Guagliardo-Giordani (nella foto di repertorio in evidenza). Si terrà sabato 27 luglio, in piazza Duomo, e promette l’impiego delle più recenti tecnologie per rendere lo spettacolo memorabile.

Il tenore augustano Guagliardo in arte Giordani regalerà quindi, insieme a sponsor privati, un nuovo evento lirico ai propri concittadini, recente tradizione inaugurata nell’estate del 2015 con la “Cavalleria rusticana” di Mascagni, proseguita con i “Pagliacci” di Leoncavallo due anni dopo e con la “digressione” pop-rock della scorsa estate che ha portato a esibirsi in piazza Duomo anche il cantante Lorenzo Licitra, vincitore dell’undicesima edizione del talent show musicale in onda su Sky, X Factor.

La “Tosca” è un’opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica. Come nei teatri di tutto il mondo, Marcello Giordani vestirà i panni del pittore Cavaradossi. Regista dello spettacolo sarà il romano Enrico Stinchelli, recentemente in città per assistere al concerto lirico dal titolo “Novecento italiano” di Marcello Giordani dedicato a Tosti e D’Annunzio e tenuto al Circolo Unione.

Un mese fa era stato pubblicato l’annuncio dall’accademia musicale Yap fondata dal tenore, con il quale si invitava la cittadinanza a partecipare alle audizioni come figuranti, coristi e voci bianche. Sia il cast che le maestranze sono in prevalenza siciliani, le corali coinvolte provengono da Augusta, Siracusa, Pachino e Scordia.

Novità dell’evento lirico augustano sarà il video mapping, una tecnologia multimediale che consentirà di proiettare luci e video sulla facciata della chiesa Madre, sfondo monumentale dello spettacolo in piazza. Il Duomo si trasformerà per l’occasione nella basilica di Sant’Andrea della Valle, in Palazzo Farnese e in Castel Sant’Angelo, tre edifici storici capitolini.


In alto