Cronaca

Augusta, primi multati della “Fase 2”: ventenni in giro senza valido motivo

AUGUSTA – Sono stati multati ieri dai carabinieri alcuni giovani augustani, tra i venti e i trent’anni, per aver violato le misure governative di contenimento sanitario da Coronavirus. Gli è stato contestato di trovarsi per strada al di fuori delle rispettive abitazioni senza valido motivo, per di più chiacchierando a stretto contatto.

La sanzione amministrativa, come in precedenti episodi analoghi da fine marzo, ammonta a 400 euro a testa, pagabile entro trenta giorni nella misura ridotta pari a 280 euro. Si tratta dei primi sanzionati della cosiddetta “Fase 2”, sulla quale diventa necessario fare chiarezza.

La “Fase 2” si riferisce a un graduale allentamento, da parte del governo nazionale (Dpcm del 26 aprile) e di quello regionale (ordinanza del presidente della Regione siciliana del 30 aprile), delle misure fortemente restrittive applicate dal 10 marzo al 3 maggio. Quanto alle attività individuali, nel rispetto del distanziamento di sicurezza, vengono consentite ad esempio l’attività motoria non solo in prossimità dell’abitazione o le visite ai congiunti.

Restano efficaci le “valide motivazioni” in deroga al divieto di spostamento, e cioè “comprovate esigenze lavorative”, “assoluta urgenza”, “situazione di necessità”, “motivi di salute”, come previsto nel nuovo modello di autocertificazione pubblicato sul sito del ministero dell’Interno. Le prescrizioni e le più recenti sanzioni amministrative (rispetto alle ipotesi di reato previste nelle prime due settimane del “lockdown”) sono state codificate nel decreto-legge n. 19 del 25 marzo.

inserzioni

(Foto di copertina: repertorio)


scuolaopenday
In alto