Pubblicità elettorale

Sport

Calcio, Promozione, il Megara domina il big match ma poi perde la “testa”

AUGUSTA – Il Megara, seconda forza del girone, contro la capolista Pozzallo ha dimostrato di avere le carte in regola e le potenzialità per lottare sino alla fine per la conquista della promozione diretta. I neroverdi di mister Alessandro Di Maria devono però recitare il mea culpa per non essere riusciti ancora una volta a concludere in undici la partita, ottenendo un pareggio per 2 a 2 che li lascia una lunghezza alle spalle dei ragusani.

Una gara preparata e giocata nella maniera migliore da Di Mauro e compagni, che hanno dato prova di non temere nessuna avversaria e di meritare la posizione che occupano in classifica. Il risultato finale, per quanto visto in campo, sta stretto ai ragazzi del presidente Roy Ferreri e del patron Elio Coppola.

Sin quando c’è stata la parità numerica, il Megara infatti ha surclassato ed annichilito i quotati avversari. Squadra ben organizzata e con sincronismi quasi perfetti, questo è stato il Megara del primo tempo, meritatamente a segno due volte con Casavecchia e Alfo. Anche dopo la prima espulsione per doppio giallo al 35’ di Balsamo, i neroverdi hanno retto con autorità il campo sino al 3’ ed ultimo minuto di recupero, quando una zampata di Drago ha consentito alla capolista di ridurre le distanze. A complicare ulteriormente le cose è giunta la seconda espulsione al 65’ di Busso per rosso diretto, reo, secondo il direttore di gara, di aver colpito al volto con una gomitata un giocatore avversario contendendosi un pallone alto. Gli augustani hanno pagato a caro prezzo l’eccessiva foga agonistica di qualche interprete e su questo il tecnico ed i dirigenti intendono lavorare.

A fine gara, il presidente Roy Ferreri commenta: “Contentissimi della prestazione, un pò meno del risultato finale, ma i ragazzi hanno dato il massimo contro un Pozzallo entrato al Megarello da capolista ed uscito con la certezza che noi resteremo la loro spina nel fianco fino alla fine. Sicuramente in settimana il mister Di Maria affronterà assieme ai giocatori ed analizzerà i due casi di espulsione che non ci hanno permesso di arrivare a fine gara in undici, cosa che forse ci avrebbe permesso di chiudere la partita con un altro risultato. Nella consapevolezza della nostra forza, continueremo a lavorare come fatto fino a questo momento, in un campionato ancora molto lungo che ci metterà di fronte  ben 14 “finali”“.

inserzioni

Sebastiano Salemi


scuolaopenday
In alto