Politica

Campagna elettorale ad Augusta senza palco per i comizi, Triberio: “Mai accaduto, e Di Maio sbattuto in periferia”

AUGUSTA – La campagna elettorale per le elezioni regionali del prossimo 5 novembre vive la sua ultima settimana di “passione”, considerato il divieto di propaganda a partire dal giorno antecedente, e ad Augusta monta la polemica per l’assenza del palco, solitamente allestito in piazza Duomo, da cui poter tenere i comizi elettorali.

Non so cosa l’amministrazione comunale tema di più, fra i programmi politici degli avversari o i comizi del Movimento. Ma sono sicuro che la sindaca Cettina Di Pietro e la sua giunta 5 Stelle più Una hanno paura della piazza, quando non gli serve per scattarsi i selfie da postare su facebook“, ironizza Giancarlo Triberio, consigliere comunale di Articolo uno – Mdp.

Due settimane fa, ha aperto in piazza ex Mercato la tappa augustana del candidato alla presidenza della Regione, Claudio Fava, da una inconsueta pedana rialzata (vedi foto in evidenza). Adesso spiega: “Non trovo altra spiegazione al fatto che questo Comune è l’unico a non avere messo a disposizione dei candidati un palco dal quale rivolgersi agli elettori. Non era mai accaduto in questa città né durante le precedenti amministrazioni, né durante i commissari. E non accade oggi in nessun’altra città di questa provincia, e dell’intera Sicilia forse, e il dubbio nasce dall’esistenza di altre amministrazioni elette dai grillini, che alle forze politiche non venga fatto trovare uno spazio di democrazia dove parlare agli elettori“.

Il consigliere di opposizione torna anche sulla polemica della aiuola “adottata” con il cartello recante il nome del Movimento 5 stelle, poi oscurato. “L’autoritarismo antidemocratico e illiberale esercitato in Consiglio comunale, dove le forze d’opposizione sono state spesso messe a tacere o, ancora peggio, oggi sono apertamente minacciate, ora si rivolge contro gli elettori. Spazi elettorali allestiti in ritardo e assegnati a pochi giorni dal voto – accusa –, mentre la loro maggioranza si “assegnava” d’imperio addirittura un’aiuola di propaganda all’ingresso di Augusta. Nessun palco allestito per agevolare l’esercizio del diritto di parola, favorendo di fatto di chi si può permettere di spendere per affittare sale conferenze o intere pizzerie“.

Conclude con una battuta sul prossimo comizio dei pentastellati Cancelleri e Di Maio, previsto sabato pomeriggio in piazza Fontana: “Persino Luigi Di Maio è stato sbattuto all’estrema periferia, dopo averne annunciato la presenza in piazza Duomo, probabilmente per tenerlo il più lontano possibile da quel Palazzo di Città dove il M5s mal governa insieme al peggiore renzismo camuffato da “tecnico”. A nome del circolo cittadino di Articolouno Movimento democratico e progressista, porgo le scuse dei nostri elettori al vicepresidente della Camera, per il modo indegno con cui verrà accolto da una città che è sempre stata campione di accoglienze e di democrazia“.


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2023 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2015/2023 PF Editore

In alto