News

Comparto Difesa, accordo sul Fua, Passanisi (Fp Cisl): “Data dignità ai dipendenti civili”

AUGUSTA – È stata sottoscritta a Roma l’ipotesi di accordo con la direzione generale per il personale civile sul Fua, il Fondo unico di amministrazione, con la previsione di 12 mila passaggi da effettuare con decorrenza 1 gennaio 2017 e programmazione di ulteriori 6 mila nel 2018, in modo da assicurare un passaggio di fascia economica a tutti i lavoratori nel triennio 2016/2018.

In provincia, riguarda i circa 550 dipendenti nel comparto Difesa ad Augusta. È stata inoltre effettuata la quantificazione dei risparmi aggiuntivi per un importo complessivo di 29 milioni di euro, dei quali una percentuale non inferiore al 4 per cento e non superiore al 10 per cento confluirà nel Fondo unico di amministrazione, che farà parte di un successivo accordo già avviato con il ministero della Difesa.

Nell’intesa figura anche la previsione per l’anno in corso, nell’attesa dell’approvazione della norma necessaria per il transito dei lavoratori dalla prima alla seconda area, di un compenso pro capite per il personale.

Proposta che, avanzata dalla Cisl, non è passata perché non ha trovato il necessario consenso al tavolo negoziale. “Si poteva fare meglio – hanno commentato il segretario provinciale della Funzione pubblica della Cisl Daniele Passanisi e il coordinatore regionale del comparto Difesa della Cisl Salvatore Saraceno ed abbiamo fatto di tutto perché ciò avvenisse. Siamo soddisfatti perché è passato l’obiettivo da noi proposto di dare dignità ai lavoratori civili del ministero della Difesa, e di attribuire un passaggio di fascia economica a tutto il personale nel triennio 2016/2018. A dimostrazione che noi lavoriamo con i fatti, e con chiarezza, non attraverso false insinuazioni strumentali, come dimostrano le recenti esternazioni sui social network di alcuni rappresentanti di altre organizzazioni sindacali”.


In alto