Sport

Karate Juniores, bis tricolore per l’augustana Francesca Cavallaro

AUGUSTA – Al campionato italiano Juniores della Fijlkam (Federazione italiana judo – lotta – karate – arti marziali), che si è svolto ad Ostia la domenica appena trascorsa, la karateka augustana Francesca Cavallaro andava da detentrice del titolo nazionale della sua categoria.

Per la diciottenne tesserata con la Rembukan karate Villasmundo, allenata dal maestro augustano Marcello Di Mare, già campionessa italiana Cadetti tre anni fa, vicecampionessa Juniores due anni fa e trionfatrice Juniores lo scorso anno, la sfida si presentava ostica. Non solo la categoria -55 kg femminile è la più numerosa, e in questa occasione figuravano trenta atlete, ma presentarsi da favoriti comporta sempre il dover tendere a migliorarsi, a innovare il proprio stile di combattimento, perché gli avversari ti conoscono e ti attendono al varco.

La durissima marcia verso la finale di Francesca Cavallaro ne è stata la dimostrazione. Già al primo turno nel proprio pool, o girone, contro un’avversaria recentemente scesa di categoria da -61 kg e con diversi successi nazionali all’attivo, l’atleta augustana trova molte difficoltà, andando a segno una sola volta con una tecnica di braccia e riuscendo poi a difendere la vittoria per 1-0. Il secondo turno, nonostante un’avversaria più abbordabile, lo passa ancora una volta di misura.

Al terzo turno, Cavallaro si sblocca, trova addirittura il punto che vale triplo con una tecnica di gambe e chiude 3-0. Per la quarta sfida del pool, nonché ultimo ostacolo tra sé e la finale, la karateka augustana si trova di fronte l’atleta che l’aveva battuta agli assoluti di Ostia del mese scorso e coglie l’occasione di rivincita andando a punto con due tecniche di braccia, rispettivamente in apertura e allo scadere, firmando un 2-0 netto.

La finale le riserva una karateka emergente, diciassettenne bresciana, che nel suo pool eliminava la campionessa europea Under 21 in carica con un largo 7-1. Applicando un rigido lavoro di tattica e una tecnica secca, Francesca Cavallaro mette a segno il punto d’oro, che poi difende e che le vale il secondo tricolore consecutivo.

Gioia e razionalità nelle sue parole: “Ho voluto la vittoria con tutto il cuore, anche perché è più facile vincere il campionato quando non ti conosce nessuno, il difficile è riconfermarsi“. Aggiunge: “Proverò a crescere ancora, sperando un giorno di vedere questo splendido sport disciplina olimpica“.

Le prossime sfide per Francesca Cavallaro saranno una gara nazionale in programma il 14 maggio a Perugia ed una internazionale a luglio in terra croata.


nuovaacropoli nuovaacropoli
In alto