Politica

Polemiche su incontri Contrafatto, M5s replica all’opposizione: “Tutti i consiglieri invitati”

AUGUSTA – Il M5s replica ai sette consiglieri comunali di opposizione, appartenenti al gruppo Misto, che, a seguito dell’incontro pubblico tenuto venerdì scorso a Palazzo di Città con il commissario dello Stato alla Depurazione Vania Contrafatto, hanno accusato il primo cittadino e la presidenza del civico consesso di aver relegato il Consiglio comunale ad “organo secondario nella vita della Città“.

In una nota stampa odierna, il M5s cittadino risponde a tono: “Le polemiche sterili come le bugie hanno le “gambe corte”. Ancora una volta ci vediamo costretti a smentite le illazioni di alcuni consiglieri dell’opposizione, che ad ogni occasione dimostrano di mettere al centro dei loro interessi la politica e non i cittadini“.

Si spiega nel merito: “Tutti i consiglieri comunali sono stati invitati al Salone di rappresentanza per l’incontro istituzione e pubblico con il commissario straordinario Vania Contrafatto. Il Salone di rappresentanza era gremito di cittadini, associazioni e di quei consiglieri che hanno avuto cura di controllare le mail, inviate dall’ufficio del Sindaco, per invitarli a partecipare“. L’invito a mezzo email, come da allegati inoltrati dal M5s, è stato inviato mercoledì 12 ottobre.

Quindi il M5s rivolge critiche al secondo incontro pubblico dei tre a cui ha partecipato il commissario ad acta Contrafatto, quello promosso dal Partito democratico locale: “Le loro lamentele le rivolgano, piuttosto, al “collega” dell’opposizione, che gli siede a fianco nel banco del Consiglio e nella sua veste di segretario di partito ha evidentemente confuso il ruolo (ma anche il nome!) di un Assessore di una giunta regionale con quello di Commissario dello Stato, trattando un tema così caro alla nostra città in un incontro partitico per pochi intimi, al quale lo stesso Sindaco è stato invitato solo con un sms tre giorni prima, quando la città era piena di manifesti, alla faccia di quella “forma” che chiedono a gran voce ma che loro stessi dimenticano“.


getfluence.com
In alto