Cronaca

Scoperti mentre pescavano a ridosso di Torre Avalos, scattano sequestro e sanzione

AUGUSTA – È stata sequestrata nel porto megarese questo mercoledì mattina l’ennesima rete da pesca, di circa 100 metri in totale, precisamente nei pressi dell’isolotto di Torre Avalos, e comminata ai trasgressori la relativa sanzione amministrativa di circa mille euro.

Nel corso di un pattugliamento operato da un’unità navale militare della Guardia costiera, per il controllo delle acque del compartimento marittimo di Augusta, ed in particolare del porto megarese, si è imbattuta in un’imbarcazione, i cui occupanti erano intenti in attività di pesca, senza averne titolo e in zona vietata.

I militari hanno quindi proceduto al sequestro della rete, che è un attrezzo da pesca che non può essere detenuto da coloro che sono privi della prevista licenza, e che quindi non sono abilitati ad esercitare la pesca professionale, e a comminare la relativa sanzione amministrativa ai contravventori.

Procede quindi l’attività della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Augusta nel contrasto alla pesca di frodo, non solo irriguardosa delle norme, ma soprattutto potenzialmente pericolosa per i consumatori quando esercitata in porto.


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2023 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2015/2023 PF Editore

In alto