News

Screening oculistico per alunni del “Corbino”, Lions club promuove cultura della cura della vista

AUGUSTA – Nel 2000, per garantire una maggiore efficacia nella diffusione dell’attività preventiva contro le patologie oculari, i Lions club siciliani del distretto 108Yb, hanno donato all’Unione italiana ciechi una unità mobile oftalmica e hanno condotto una serie di iniziative atte a diffondere la cultura della cura della vista.

Nell’ambito di queste iniziative, organizzato dal Lions club Augusta host, si è svolto lunedì 3 aprile, nel plesso “La Face” dell’Istituto comprensivo “Corbino”, lo screening oculistico dedicato agli alunni della 1ª classe della scuola elementare. Infatti, come ha dichiarato il presidente Lions Maurizio Vaccaro, nell’ambito scolastico la diagnosi precoce riveste un ruolo primario per la prevenzione, in quanto permette l’individuazione, in giovane età, della patologia oculare e il trattamento oculistico, assicurando un’appropriata sensibilizzazione ed informazione alle famiglie e agli insegnanti.

Circa trenta bambini si sono sottoposti ad un’attenta visita da parte del medico specialista, l’oculista Elio Montalto. Le capacità sia professionali che umane del medico hanno fatto sì che le visite fossero per i bambini un momento di gioia. Al termine delle visite, il Lions club, d’intesa con il Leo club guidato da Giorgio Failla, ha donato agli alunni le tradizionali “colombine Leo”. Queste erano state precedentemente acquistate per attuare il progetto nazionale “School4u”, che ha l’obiettivo di migliorare l’esperienza scolastica di tutti i bambini dai 6 ai 10 anni. Al progetto “screening” hanno dato un notevole contributo Antonio Gaeta, Claudio Russo e Roberto Tessariol.

Viva soddisfazione, al termine dell’incontro dedicato alla prevenzione, è stata espressa dalla dirigente scolastica del “Corbino”, Maria Giovanna Sergi. Il presidente Maurizio Vaccaro ha voluto, quindi, ringraziarla “per la sensibilità, sempre dimostrata, ad accogliere iniziative utili per la comunità di riferimento e gli alunni della scuola”.


scuolaopenday
In alto