News

Tradizioni della Pasqua augustana, lezione al plesso La Face del “Corbino”

AUGUSTA – Ancora un appuntamento con le tradizioni pasquali presso il 2° Istituto comprensivo “Orso Mario Corbino”. Dopo gli incontri tenuti nei plessi “Brucoli” e “Campolato” sabato 5 marzo, una specifica lezione è stata riservata agli alunni del plesso “La Face” nel sabato appena trascorso. Preceduto dai saluti della dirigente scolastica Maria Giovanna Sergi, ha preso la parola Giuseppe Carrabino, esponendo agli alunni alcuni aspetti delle tradizioni pasquali di Augusta.

tradizioni-pasquali-augusta-lezioni-carrabino-al-corbinoCarrabino ha ripercorso il periodo quaresimale soffermandosi sul culto dell’Addolorata, sulla storia e sul ruolo delle confraternite che nel corso dei secoli hanno segnato la vita della comunità. In particolare, ha rilevato l’importante ruolo sociale delle confraternite, atteso che provvedevano al sostentamento di quei confrati ammalati o inabili al lavoro, curavano il culto, la manutenzione delle proprie chiese, destinando parte dei propri guadagni per l’officiatura.

Ha poi ricordato che le chiese confraternali sono state edificate con i sacrifici di tanti uomini e donne che non solo si sono preoccupati della costruzione, ma hanno anche provveduto alla dotazione di arredi sacri: dipinti, argenterie, parati liturgici, sculture che oggi costituiscono il vanto di ogni singola chiesa. “Questi luoghi di culto sono tutti espressione di una genuina devozione mai sopita nel corso dei tempi; siamo orgogliosi della nostra appartenenza a sodalizi che ancora a distanza di secoli hanno a cuore solamente il culto e la tradizione“, sono state le parole di Carrabino.

Si è accennato altresì alla colonna sonora del venerdì santo, con le marce funebri scritte nel corso del Novecento da compositori locali, dal maestro Farina con la celebre “Pace”, ai maestri Confreda, Passanisi e, non ultima, “Inri” del giovane maestro Gaetano Galofaro, attualmente direttore della Banda “Federico II” Città di Augusta.

inserzioni

Gli alunni hanno avuto modo di seguire il relatore anche attraverso l’ausilio di immagini proiettate in aula, alla presenza delle insegnanti Rossella Trotta, Silvana Lantieri, Laura Amato, Sofia Carrabino e Rosaria Fazio e della stessa dirigente Sergi.


scuolaopenday
In alto