News

Augusta, bonifica campo sportivo Fontana al via ad aprile. Vadalà: “Sarà il mese della rinascita”

AUGUSTA – Il commissario unico per la bonifica delle discariche, il generale Giuseppe Vadalà, insieme al Provveditorato interregionale alle Opere pubbliche per la Sicilia e la Calabria, al Comune di Augusta e ai tecnici Arpa regionali, “nel prossimo mese di aprile” consegnerà il cantiere all’associazione temporanea di imprese (ati) composta dalla ditta pugliese “Ottomano costruzioni” e dalla molisana “Geoimpianti Srl“, per l’avvio delle “opere di risoluzione nonché la messa in sicurezza” dell’ex campo sportivo “Fontana”, inserito tra gli originari 81 siti italiani da bonificare in infrazione europea. L’ex campo sportivo, chiuso dal 2005 a seguito dell’individuazione di polvere di pirite, sequestrato nel 2013, infatti dal 2014 è oggetto di infrazione comunitaria quale discarica abusiva.

Il comunicato, che per un presumibile errore tecnico era finito pubblicato sul sito web ufficiale della Struttura commissariale già dalla fine di febbraio (con gli omissis per quanto riguardava ditta aggiudicataria e dichiarazioni del sindaco di Augusta), è stato recentemente integrato dall’ufficio comunicazione e coordinamento della Struttura e trasmesso oggi dal Comune di Augusta agli organi di stampa.

Ricordiamo che il progetto esecutivo (approvato con una conferenza di servizi “decisoria” tenuta ad Augusta nel luglio 2020, con la passata amministrazione Di Pietro) prevede, per l’importo complessivo a base di gara stabilito in 4 milioni 998mila euro (a fronte di un quadro economico complessivo pari a 7 milioni 991mila euro a disposizione) le seguenti opere: realizzazione di una copertura (capping) diaframmatica che costituisce, sostanzialmente, “l’impermeabilizzazione dell’area al fine di impedire l’infiltrazione delle acque meteoriche e quindi il contatto di queste ultime con le ceneri di pirite”; esecuzione dei lavori di ri-funzionalizzazione e completamento del campo di calcio attualmente esistente nonché la realizzazione dei nuovi spogliatoi; realizzazione delle recinzioni interne ed esterne; predisposizione per la collocazione di tribune spettatori prefabbricate (queste ultime non previste nell’appalto); collocazione di un manto di erba sintetica, con le opere connesse e impianti a corredo.

Poi, l’11 agosto 2021 il Provveditorato interregionale per le opere pubbliche Sicilia e Calabria ha pubblicato la manifestazione di interesse (con scadenza il 21 settembre) finalizzata a raccogliere le disponibilità degli operatori economici a essere invitati alla procedura negoziata per l’affidamento dei lavori. Come si leggeva nell’avviso pubblico, il tempo utile per completare tutti i lavori compresi nell’appalto per la bonifica dei 26.500 metri quadri è di 630 giorni decorrenti dalla data del verbale di consegna.

Il commissario unico ad acta, il generale Giuseppe Vadalà dichiara: “Finalmente siamo arrivati alla fase conclusiva del procedimento, finalmente avviamo il procedimento attivo per la risoluzione del problema, finalmente possiamo porre la prima pietra dell’ultimo e decisivo cantiere. Ora possiamo pensare al Campo Fontana come una struttura sportiva e non più come un sito di discarica, un problema annoso e oneroso per tutti viene superato grazie alla sinergia con tutta la macchina pubblica e privata: dal Comune (l’attuale giunta e la precedente), il Provveditorato di Palermo e tutti i soggetti attivi coinvolti. Oltre al campo, aiuteremo nei lavori di sistemazione delle aree limitrofe allo stadio: con l’assestamento definitivo della depressione e la rimodulazione dell’acquifero in base ai cicli idro-meteorici“.

Vadalà aggiunge: “Siamo giunti allo sblocco di tutti i nodi, costruendo e trovando, in uno spirito collaborativo, la soluzione di messa in sicurezza delle aree garantendo in questo modo, il corretto sviluppo delle attività della cittadinanza su questo prestigioso campo sportivo, aprile è il mese della primavera e quindi della rinascita, anche per questo abbiamo deciso di consegnare oggi le chiavi alla ditta che eseguirà gli interventi“.

Interviene a commento, nel comunicato, il sindaco di Augusta, Giuseppe Di Mare: “Da ormai troppi anni ho sempre assistito all’esodo dei giovani augustani per poter giocare in quello che è sport nazionale per eccellenza, sarà un grande piacere da Sindaco ridare un campo sportivo a tutti gli sportivi augustani. Continuerò come sempre a monitorare e sollecitare insieme all’assessore Pasqua affinché si giunga a questa meta celermente. Oggi è un giorno importante che supera la voglia di “esistenzialità” che alcuni devono esercitare per auto convincersi dell’esistenza. Alla struttura commissariale vanno i miei complimenti e vicinanza per l’impegno e la serietà  profusa, faremo una grande festa e sarà nel ricordo del vostro lavoro che la città supererà un ostacolo sostanzioso e le permetterà di avviarsi verso un futuro sviluppo sociale collettivo“.


In alto