Politica

Augusta, Coronavirus, “40 sanitari del Muscatello attendono esito tamponi dall’11 marzo”: la denuncia del deputato M5s Pasqua

AUGUSTA – “I sanitari dell’ospedale Muscatello di Augusta, quelli che hanno assistito il paziente trasferito e deceduto gli scorsi giorni a Caltagirone, attendono l’esito del tampone, il primo dei quali è stato loro eseguito addirittura l’11 marzo scorso. Analisi che sarebbero state ripetute più volte ma il cui risultato è ancora sconosciuto“. Lo afferma il capogruppo del Movimento 5 stelle all’Ars, Giorgio Pasqua, in un comunicato del primo pomeriggio di oggi nel quale invita il governo regionale a utilizzare i laboratori di biologia molecolare delle varie Asp siciliane per fare fronte all’altissima mole di tamponi rinofaringei da analizzare.

Pasqua cita ad esempio proprio il caso dell’11 marzo, quando al “Muscatello” un ottantenne sortinese affetto da altre gravi patologie, ricoverato nel reparto di Medicina da alcuni giorni per una sospetta ischemia cerebrale, è risultato positivo al tampone, motivo del successivo trasferimento al “Gravina” di Caltagirone, dove è infine deceduto venendo registrato come il primo morto in Sicilia con Coronavirus.

Si tratta di più di 40 dipendenti, tra infermieri, medici, personale ausiliario, dell’Unità operativa complessa di Medicina dell’ospedale Muscatello di Augusta. Ciascuno di loro ha effettuato quattro tamponi – specifica Pasqua – di cui uno non correttamente eseguito, due ben eseguiti ma a quanto pare inutilizzabili e il quarto di cui non si conosce l’esito dopo ben 4 giorni“.

L’unità operativa continua le proprie attività, ma solo grazie allo spirito di abnegazione del personale e con grande apprensione – aggiunge il capogruppo pentastellato all’Ars – Nel frattempo infatti quindi questi sanitari hanno continuato ad operare e a vivere regolarmente la loro vita fuori dall’ospedale. E se uno o più di questi operatori fossero infetti e non lo sapessero? Sarebbe un effetto domino pericolosissimo e incontrollabile. Questo succede perché i pochi laboratori che analizzano i tamponi, sono già al collasso“.

inserzioni

(Nella foto di copertina: passerella interna tra i padiglioni dell’ospedale “Muscatello” di Augusta)


scuolaopenday
In alto