News

Augusta, Covid center al “Muscatello” già sotto stress. Madonia: “Si sta potenziando ricettività ove necessario”

AUGUSTA – Il Covid center riaperto all’inizio del mese in corso all’ospedale “Muscatello” sarebbe già sotto stress, a causa del raggiungimento dei trenta ricoveri a fronte dei quaranta posti letto finora programmati in questa seconda ondata di contagi. Si tratterebbe di pazienti non gravi smistati perlopiù da aziende sanitarie di province limitrofe, mentre sarebbero soltanto due gli augustani positivi ricoverati nel nosocomio cittadino.

Stamani il direttore generale dell’Asp, Salvatore Lucio Ficarra, insieme al direttore sanitario Salvatore Madonia si sono recati nel presidio ospedaliero di Augusta, all’indomani della visita all’ospedale di Lentini (prossimo al coinvolgimento nella rete Covid), per “condividere, assieme a tutti i dirigenti medici – si legge nel comunicato dell’Azienda sanitaria provinciale – le migliori strategie da mettere in campo affinché i cittadini possano sentirsi garantito il diritto alla salute nel proprio territorio“.

Il direttore generale, inoltre, esorta i cittadini a recarsi al Pronto soccorso solo in caso di reale emergenza – prosegue il comunicato, come da appello già divulgato dall’Azienda nei giorni scorsi e a continuare ad affidarsi ai medici di famiglia e ai pediatri che, attraverso le Usca, il Dipartimento di prevenzione e i Distretti sanitari, potranno accogliere e fronteggiare, come è avvenuto fino ad oggi, i loro bisogni di salute“.

Con l’innalzamento della curva epidemiologica da Covid-19 – dichiara il direttore sanitario Salvatore Madonia abbiamo prontamente rivisto i percorsi Covid e non Covid all’interno dei presidi ospedalieri, confermando le tende pretriage, mai dismesse, come ingresso ai pronto soccorsi dei nosocomi. Inoltre, ad oggi sono stati assunti numerosi medici Covid, infermieri professionali, autisti ed altre figure specialistiche e si stanno attivando i Covid-center in tutta la provincia. Questi ultimi sono già presenti sia nell’ospedale “Umberto I” di Siracusa che di Noto ed Augusta ed a breve anche nel presidio ospedaliero di Lentini“.

Parimenti – annuncia Madonia – si sta potenziando la recettività delle terapie intensive e semintensive della provincia dedicando la rianimazione del presidio ospedaliero di Siracusa ai pazienti Covid e, ove necessario, di Noto e Augusta. Appare utile evidenziare che nonostante il costante e progressivo aumento dei posti letto Covid nei nostri ospedali, le attività sanitarie ordinarie come chirurgia, cardiologia, medicina, ginecologia ed ostetricia, psichiatria, per citarne alcune, proseguono regolarmente nonostante la rimodulazione degli interventi e delle azioni vicariate dagli altri ospedali aziendali e dai privati convenzionati“.

Sul versante del territorio – spiega ancora il direttore sanitario dell’Asp – la nostra Azienda è stata tra le prime in Sicilia ad attivare tutte le Unità speciali di continuità assistenziale (Usca), previste dal Dl n. 14 del 9 marzo 2020. Le Usca sono costantemente dedicate al supporto delle azioni dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta nella presa in carico dei pazienti paucisintomatici a domicilio. Attraverso il coordinamento del Dipartimento di Prevenzione e dei direttori dei Distretti sanitari, intervengono quotidianamente nella gestione dei casi sospetti Covid, esecuzione dei tamponi nelle scuole, nelle attività di pronto intervento su focolai, nelle Rsa, nei Centri anziani, a supporto degli sbarchi di immigrati ed in ultimo sulla gestione dei pazienti dimessi dai Covid center aziendali. Anche gli aspetti di comunicazione, tramite gli strumenti web, sono stati potenziati e nel sito aziendale vengono costantemente pubblicate tutte le informazioni utili alla cittadinanza. Ogni sistema, comunque, appare perfettibile e deve essere sottoposto alla attenta valutazione dei cittadini che potranno rivolgersi all’Urp, al numero verde 800238780, email urp.siracusa@asp.sr.it per comunicare eventuali disfunzioni sistemiche che saranno prontamente valutate”.

L’aumento del numero di casi positivi al Covid-19 in provincia di Siracusa, come del resto in Sicilia ed in Italia – chiosa il direttore generale dell’Asp, Salvatore Lucio Ficarra sta determinando la messa in campo di tutte le misure previste dalle norme vigenti e degli strumenti in nostro possesso, al fine di continuare a garantire, sotto tutti gli aspetti sanitari e non soltanto quelli legati alla epidemia, la salute dei cittadini sia sul territorio che negli ospedali con il massimo impegno da parte di tutto il personale sanitario”.


In alto