News

Augusta, Covid, salgono a 222 gli attuali positivi con 7 ricoverati. Di Mare: “Chiusura scuole compete all’Asp”

AUGUSTA – Mentre la Regione siciliana attende l’ordinanza del ministro della Salute che concederà la “zona arancione, nel giorno del dato regionale “boom” di quasi tremila guariti (2.816, millecinque più di ieri), ad Augusta continua a crescere il numero degli attuali positivi, che ad oggi diventano 222 (cinque più di ieri), nuovo “picco” storico comunale.

Si registrano 7 augustani ospedalizzati, due in più dell’ultimo aggiornamento, per fortuna nessuno in terapia intensiva. Il reparto Covid dell’ospedale “Muscatello” vede ancora un numero di ricoverati solo di poche unità inferiore alla capienza limite di 40 posti letto.

Dati che ci fornisce il sindaco Giuseppe Di Mare, dopo averli ricevuti dall’Asp di Siracusa. “La crescita, che non è come quella di un paio di giorni fa, vede un rallentamento – commenta il primo cittadino – È dovuta al fatto che stiamo facendo moltissimi tamponi, un tracciamento importante, e quindi è normale che ci siano più positivi. Inoltre ci sono due o tre cluster familiari importanti“.

Lunedì 1 febbraio, secondo quanto reso noto dal prefetto Giusi Scaduto, che ha riunito stamani il tavolo di coordinamento ad hoc, potrebbero tornare in aula il 50 per cento degli studenti delle scuole superiori della provincia, oltre alle classi seconde e terze delle scuole medie, dalle festività rimaste in Dad (Didattica a distanza). Il sindaco Di Mare ribadisce che non è di sua “competenza“, in tal caso, l’eventuale decisione di chiudere le scuole.

Si richiama a una circolare inviata oggi ad amministrazioni comunali siciliane, a firma congiunta degli assessori regionali Razza (Salute) e Lagalla (Istruzione), con la quale si richiede che “ogni eventuale ed ulteriore provvedimento di sospensione delle attività didattiche in presenza sia assistito dall’esplicito richiamo, citato in ordinanza, al vincolante parere reso, con riferimento allo specifico atto sindacale, dell’Asp competente“. “La chiusura delle scuole è competenza dell’Asp, che deve necessariamente mandare parere vincolante per l’eventuale chiusura. Non è competenza del sindaco“, chiosa Di Mare.

(Foto di copertina: generica)


In alto