News

Augusta, “Ecce Homo” restaurato e restituito alla parrocchia di San Francesco di Paola

AUGUSTA – La scultura lignea “Ecce Homo” ha fatto ritorno, con la teca, nella chiesa di San Francesco di Paola, dopo un restauro rinviato per la pandemia esplosa due anni fa e poi sostenuto da una rete di club service ed enti privati.

Come reso noto giovedì scorso, in occasione della cerimonia di riconsegna, la sinergia era stata auspicata dal parroco don Francesco Scatà, insieme a Giuseppe Tringali, collaboratore della parrocchia francescana che è stato il tramite tra la comunità parrocchiale e l’istituto che ha curato il restauro. Un restauro “didattico”, nel solco di una recente tradizione che il Liceo artistico “Gagini” di Siracusa, guidato dalla dirigente scolastica Giovanna Strano (affiancata dalla dsga Laura Interlando), sta delineando grazie all’iniziativa del docente Nino Sicari.

Per realizzare il delicato restauro, trattandosi di un simulacro settecentesco di cui è ignoto l’autore, sono stati coinvolti, con il coordinamento di Sicari e il tutor scolastico Paolo Romano, Salvatore Russo per indagini scientifiche e diagnostica, le docenti Federica Bordone e Jessica D’Agata, la restauratrice Teresa Tropea, oltre a sedici studenti nella veste di assistenti di laboratorio.

Sono state proprio due delle studentesse a “traslare” la scultura lignea, dopo la presentazione dei restauratori e l’allocuzione di don Matteo Vasco davanti a una chiesa gremita, dall’abside alla cappella della Madonna Addolorata, dove l’ “Ecce Homo” era e sarà custodito insieme al simulacro dell’Addolorata, protagonista della Settimana santa. Anche il restauro della teca espositiva, risalente a poco meno di un secolo fa, ha riportato alla luce aspetti assolutamente sconosciuti, su tutti, la laccatura originaria (da marrone finto legno ad avorio).

Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco Giuseppe Di Mare, l’assessore alla Cultura Giuseppe Carrabino, insieme a rappresentanti e soci dei sodalizi sostenitori dell’iniziativa. Così sono intervenuti il presidente del Rotary club Augusta, Pietro Forestiere, la presidente dell’Inner Wheel club di Augusta, Valentina Cappiello Saraceno, club service che hanno finanziato il restauro attraverso una raccolta fondi, coinvolgendo i club giovanili Rotaract e Interact e in particolare la Banca agricola popolare di Ragusa, quest’ultima rappresentata dal componente del cda Leo La Ferla. A sostegno anche l’Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, per il quale è intervenuto il preside della sezione siracusana Salvatore Geraci.

Ad allietare musicalmente la serata, le esecuzioni della corale polifonica “Iubilaeum”, diretta dal maestro Luigi Trigilio. Per illustrare nel dettaglio le fasi di restauro di “Ecce Homo” e teca, è stato prodotto un volume, che sarà disponibile a fine mese.


In alto