Politica

Augusta, ex caserma carabinieri per Inps e Guardia medica: mozione del consigliere Triberio

AUGUSTA – “Ora basta scuse, il Comune si faccia dare gli uffici dell’ex caserma dei Carabinieri per l’Inps e la Guardia medica“. Sintetizza così in una nota la propria mozione consiliare Giancarlo Triberio, consigliere comunale di Articolo uno e capogruppo del Centrosinistra.

Una mozione che ha presentato stamani per proporre una soluzione alla carenza di locali comunali che ha determinato nell’ultimo anno l’assenza di alternative per una sede da offrire all’Inps, dopo che l’agenzia territoriale di Augusta è stata soppressa con la conseguente chiusura dei locali di via Adua il 31 luglio dello scorso anno, e per accogliere la Guardia medica dopo la chiusura per inagibilità della sede di via Megara, lo scorso 25 ottobre, con il trasferimento al nuovo padiglione dell’ospedale “Muscatello”. Da meno di un mese, i carabinieri si sono trasferiti nella nuova caserma alla Borgata, lasciando la storica sede nel centro storico.

Nell’ultimo anno la sede Inps è stata chiusa, unica in Sicilia, per mancanza di locali idonei messi a disposizione dalla nostra amministrazione. Stessa sorte per la Guardia medica spostata per inagibilità dei locali di via Megara. Adesso esiste la reale possibilità di ripristinare questi due fondamentali servizi per il nostro territorio – afferma Triberio – Dopo anni in cui il nostro Comune ha perso presidi importanti e fondamentali, il trasferimento della caserma dei carabinieri lascia la possibilità di poterla utilizzare per allocarvi tutti i servizi che l’amministrazione comunale non ha fornito con la scusa di avere le disponibilità necessarie“.

Auspico che la mozione presentata possa trovare la convergenza di tutti i gruppi consiliari, mettendo da parte distinzioni e appartenenze, per impegnare l’amministrazione a compiere tutti gli atti presso l’ente proprietario dei locali dell’ex caserma dei carabinieri di piazza Carmine in modo da poterli utilizzare almeno per la sede Inps e Guardia medica – prosegue il consigliere d’opposizione – Faccio appello in particolare modo al gruppo consiliare di maggioranza, che ha i numeri necessari affinché i diritti dei cittadini vengano davvero tutelati. È l’occasione per dimostrare, almeno in questi ultimi mesi di mandato, di avere come principale obiettivo la soluzione dei problemi, senza fuggire questa responsabilità con la solita scusa auto-assolutoria della mancanza di fondi. I colleghi consiglieri 5 Stelle facciano un atto di coraggio, e diventino protagonisti dell’attività amministrativa dando un indirizzo chiaro e vincolante all’amministrazione che sostengono. Adesso non servono parole, ma la voglia di sbracciarsi per dare risposte a legittime necessità di una città normale“.

(Foto di copertina: repertorio)


getfluence.com
In alto