News

Augusta, il giovane baritono Zarbano da Scoglitti in Ucraina passando per Taormina

AUGUSTA – Il giovane baritono Marco Zàrbano (nella foto di repertorio in copertina), augustano con ascendenze lentinesi, ha colto un personalissimo successo, l’ultima sera d’agosto a Scoglitti, la frazione rivierasca di Vittoria, comune del Ragusano.

Ieri, dunque, davanti a una piazza affollatissima, che si affaccia sul porto turistico, si è celebrata una festa della musica, il cui ospite più prestigioso è stato proprio il baritono, inguainato in un elegante smoking, che ha interpretato la famosa romanza siciliana “E vui durmiti ancora”, applaudito dal pubblico e vivamente apprezzato dall’organizzatore e presentatore della serata, il vittoriese Gabriele Nicita, che ha precisato la città d’origine di Zàrbano: Augusta.

Il ventisettenne baritono, già allievo del celebre tenore palermitano Pietro Ballo, frequenta attualmente la Yap, l’accademia di canto, fondata e diretta dal tenore augustano Marcello Guagliardo in arte Giordani, che da oltre trent’anni miete successi nei teatri lirici di tutto il mondo. Da qualche anno, Giordani è diventato anche produttore di spettacoli non solo ad Augusta, ma anche nei teatri antichi di Siracusa e Taormina.

A Taormina, martedì 3 settembre, Giordani porterà in scena la “Turandot” di Puccini, del cui cast farà parte proprio Marco Zàrbano nel ruolo del mandarino. Dopo Taormina, il baritono ritornerà in Ucraina, nei cui teatri, lo scorso inverno, è stato già lungamente applaudito.

Giorgio Càsole


nuovaacropoli nuovaacropoli
In alto