Politica

Augusta, imbrattata facciata del palazzo di città. Sindaco: “Azione di un frustrato, telecamere hanno ripreso tutto”

AUGUSTA – Una scritta che ha deturpato il prospetto principale del Palazzo di città, insistente sulla piazza Duomo. È la brutta sorpresa, al risveglio di stamani, per i cittadini augustani.

Nella scritta si leggeva: “Industrie assassine. Giustizia per i morti di cancro”. Poco dopo le 10 è intervenuta una ditta specializzata, contattata dal Comune, per rimuoverla.

Il sindaco Giuseppe Di Mare, in un videomessaggio social, comunicando la presentazione di un formale esposto al commissariato di pubblica sicurezza, dichiara: “Oggi sono arrabbiato perché stiamo facendo un grande sforzo per rilanciare l’immagine della nostra città, per portare turisti nella nostra città e poi succede che viviamo l’ennesima azione di un frustrato, di un anonimo che di solito vive sui social e che oggi, invece, mancando di rispetto a tutta la città, imbratta il palazzo di tutti i cittadini. Non è accettabile un’azione del genere senza se e senza ma“.

Un frustrato, un delinquente, che assicureremo sicuramente agli organi deputati. Le telecamere della zona – sottolinea Di Mare – hanno ripreso tutto“. “Siamo certi che gli organi inquirenti – aggiunge il primo cittadino – faranno luce su questa pagina triste della nostra Augusta, proprio nel periodo natalizio“.

È seguita, a stretto giro, una nota stampa congiunta della federazione “#perAugusta” (portavoce Giovanni Camardo) dei tre movimenti civici che hanno espresso l’attuale sindaco, segnatamente “CambiAugusta” (coordinatori Elena Cimino e Aldo Cimino), “Destinazione futuro” (coordinatori Federica Giangrande e il consigliere comunale Andrea Lombardo), “100 per Augusta” (coordinatori Aurelia Lo Giudice e il consigliere comunale Paolo Trigilio).

Stamane Augusta si risveglia osservando un gesto ignobile che graffia il cuore di un’intera comunità. La scritta lasciata sul muro di facciata della Casa Comunale tramite una bomboletta spray rappresenta, lettera per lettera, l’azione di chi continua a nascondersi dietro l’anonimato per creare scompiglio – scrivono, nella nota stampa, i tre movimenti civici di maggioranza – Come movimenti appartenenti alla federazione civica #perAugusta, desideriamo esprimere un sentimento di forte condanna nei riguardi di un simile gesto. Atti di vandalismo, come quello perpetrato durante la notte di ieri, oltre a disegnare uno scenario inquietante, offendono con la forza della strumentalizzazione tutti i cittadini che, nella Casa Comunale di Augusta, trovano il senso ed il valore simbolico delle Istituzioni“.

Siamo fermamente convinti che gesti come questo sviliscano il lavoro fatto negli anni da chi ha posto in maniera civile interrogativi riguardo la questione ambientale del nostro territorio e suonano come campanello d’allarme – aggiungono – Desideriamo esprimere tutta la nostra vicinanza al nostro Sindaco, dott. Giuseppe Di Mare, che oggi più che mai rappresenta una comunità  ferita e sfregiata e desideriamo richiamare alla responsabilità della condanna tutti coloro i quali hanno ruoli attivi in politica e nell’Associazionismo affinché sia ben chiaro agli autori di questo gesto che la direzione intrapresa non è tollerata né tollerabile“.


In alto