News

Augusta, lettera di ringraziamento da parte della famiglia del compianto Mimmo Fruciano

AUGUSTA – La notizia, una settimana fa, dell’improvvisa scomparsa all’età di 72 anni di Domenico, noto come Mimmo, Fruciano aveva scosso la comunità cittadina. Che, nel giorno delle solenni esequie nella chiesa del Cristo Re (vedi articolo), si è unita alla famiglia nel cordoglio e ha manifestato grande affetto nei confronti del compianto presidente dell’associazione cittadina Tds (associazione per la “tutela della salute e del presidio ospedaliero Muscatello”).

La famiglia Fruciano ha inviato alla stampa locale una lettera aperta di ringraziamento, che pubblichiamo volentieri qui di seguito.

Sono stati giorni di grande sconvolgimento e dolore per tutta la nostra famiglia e per tutte le persone a noi vicine. Nelle prime ore abbiamo realizzato di aver perso un padre, un marito, un nonno sempre presente, amorevole e fedele alla propria famiglia, ma successivamente abbiamo capito che la tristezza e lo sconvolgimento non investiva solo la nostra famiglia ma si propagava a macchia d’olio per tutta la città. 

Con questa lettera aperta vogliamo ringraziare pubblicamente tutti coloro i quali hanno sostenuto nostro padre durante le proprie lotte e ci sono stati vicini nei momenti di grande paura e disperazione in quest’ultimo periodo.

inserzioni

Quindi come non poter ringraziare in primis voi tutti giornalisti che avete dato voce e spazio agli appelli accorati di nostro padre, che avete raccolto le sue denunce, che lo avete seguito in questi ultimi  15 anni e più nel suo cammino verso una sanità pulita, giusta e volta a garantire a pieno i diritti degli ammalati. Voi tutti siete stati e siete ancora la colonna portante di quella informazione chiara, limpida e libera proprio come lo era nostro padre. Grazie per averlo reso orgoglioso, per avergli fatto brillare gli occhi tutte le volte che sfogliando i giornali si ritrovava tra i vari articoli della cronaca locale. 

Un ringraziamento speciale va a tutto il personale sanitario e non del P.O. Muscatello di Augusta. A tutti coloro che lo hanno sostenuto e hanno collaborato in modo discreto e sincero con lui. Grazie a chi ha creduto in lui, a chi ha saputo riconoscere l’uomo sincero che si batteva davvero per i diritti dei cittadini, che credeva fermamente nella possibilità di rendere degna Augusta di un ospedale attivo, potenziato, valorizzato al servizio dei meno fortunati, a servizio di un’intera popolazione. Nostro padre, seguito da una piccola schiera di grandi attivisti, si è battuto affinché la sanità non fosse d’élite bensì per tutti; ha sempre creduto nelle sue battaglie “senza colore politico” come diceva sempre lui, ha sempre creduto alla gente e per la gente ha sacrificato buona parte della sua vita. Un infinito grazie va dunque al dott. Fabio Scandurra, abbiamo appreso in questi giorni la nobile iniziativa di dedicare il Centro Antitabacco a nostro padre. La ringraziamo con immensa stima e gratitudine la stessa che vi legava. Grazie a tutti coloro che hanno assistito nostro padre durante i suoi mesi di malattia, a chi ha reso un po’ più serena la permanenza in ospedale.

Un ringraziamento speciale e dovuto va a Maria Carmela Giannone una grande donna che ha spalleggiato nostro padre nelle sue battaglie, grazie alla sua energia e al suo forte senso di giustizia e grazie a tutti i membri del TDS; noi tutti vogliamo fermamente che le battaglie intraprese vadano avanti, che l’informazione e la collaborazione non si fermi ma che anzi si rafforzi in modo tale che ci sia sempre un ponte di aiuto e di sostegno tra ammalati e strutture sanitarie. Grazie a lei signora Giannone al signor Sebastiano Tringali e a tutti i membri del TDS che avete creduto in lui. Grazie a chi non lo ha mai abbandonato e lasciato solo nelle sue lotte.

Grazie a tutti gli amici delle confraternite dell’Odigitria e San Giuseppe, agli amici del Pronto Soccorso ai consiglieri Tribulato, Pasqua e Di Mare, grazie a chi ha condiviso il nostro dolore e reso più lieve. Grazie al sindaco di Priolo, all’epoca dei fatti Onorevole, Pippo Gianni per aver raccolto sempre le testimonianze di nostro padre, affinché passi importanti come l’apertura del Centro di riferimento Regionale dell’amianto prendesse vita, e lo ha supportato nelle battaglie contro la chiusura della nostra amata Pediatria. Grazie al Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci per aver accolto gli appelli sinceri di nostro padre ed alla sua presenza quel 10 marzo 2017, giorno di grande rilevanza per le sorti del Muscatello quando all’epoca in qualità di Presidente della Commissione d’Inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia in Sicilia, prese atto delle mancate disposizioni regionali concernenti il Nosocomio come: Centro Hub di Oncologia, Centro di riferimento Regionale per le patologie derivanti dall’amianto, il Pronto Soccorso e Osservazione Breve Intensiva, l’elisuperficie e la centrale di sterilizzazione. Un ringraziamento al dottore Giuseppe Vaccaro che da sempre ha creduto in lui ed alle sue iniziative. Grazie ai vertici dell’Asp di Siracusa nella persona del commissario straordinario Salvatore Lucio Ficarra, del direttore sanitario Anselmo Madeddu e del direttore amministrativo Giuseppe Di Bella, per aver espresso il proprio cordoglio. Sarebbe stato un onore per lui poter continuare a collaborare con tutti voi. La malattia di nostro padre non gli ha impedito di interessarsi fino alla fine delle sorti del Muscatello, ha continuato a lottare ed informarsi a riguardo le vicende del Nosocomio. Potenziare il P.O. Muscatello di Augusta era la sua lotta più grande e noi tutti ci auguriamo che le sue battaglie e quelle dei suoi sostenitori non vadano perse.

In queste occasioni per noi non è facile esprimere a parole ciò che sentiamo, medici ed infermieri erano e sono ancora grandi amici di nostro padre, nominarvi tutti non si può ma noi sappiamo che sempre ci sarà quel filo di stima e di amicizia che ci legherà indissolubilmente“.


scuolaopenday
In alto