News

Augusta, nell’Isola è vietato usare l’acqua comunale per fini potabili

AUGUSTA – Da questo venerdì 25 ottobre, nel centro storico è vietato, per ordinanza sindacale, utilizzare l’acqua comunale “per usi potabili, per l’incorporazione negli alimenti e come bevanda, con decorrenza immediata e fino alla revoca della presente“. L’ordinanza numero 49, contingibile e urgente, è stata firmata oggi dal sindaco Cettina Di Pietro e dovrebbe restare in vigore “fino al ripristino delle condizioni di conformità” dell’acqua.

Il provvedimento di limitazione dell’uso dell’acqua nel centro storico segue i lavori al pozzo comunale dei giardini pubblici, l’unico che serve l’utenza dell’Isola, con i conseguenti disservizi dal 21 al 23 ottobre che hanno causato gravi disagi a residenti, scuole e attività. Dopo l’intervento dei tecnici per la “lieve fessurazione” in profondità nel pozzo, nel tardo pomeriggio del 23, tramite l’app “Telegram”, il Comune aveva informato la cittadinanza che “allo stato si consiglia di non fare un uso potabile dell’acqua fino a nuove comunicazioni“.

Nell’ordinanza odierna si legge che “è pervenuta nota al prot. 59781 del 25 ottobre 2019 della società che si occupa dei controlli interni delle acque del civico acquedotto, con la quale “si consiglia di non immettere in rete l’acqua del pozzo dei giardini pubblici come acqua destinata al consumo umano in quanto vengono superati i limiti imposti dal D.Lgs. 31/01 e s.m.i.”“.

Nelle more della verifica dell’efficacia degli interventi adottati e ai successivi campionamenti di verifica della regolarità dei valori – si legge ancora nell’ordinanza – le acque di cui trattasi devono ritenersi non idonee per gli usi potabili, sia come bevanda che con incorporazione negli alimenti, consentendone l’uso esclusivamente per fini igienici“.

inserzioni

(Foto di copertina: generica)


inserzioni inserzioni
In alto