News

Augusta, “paddle out” in memoria di Roberto Sarta nel golfo Xifonio

AUGUSTA – Un “paddle out” in memoria di Roberto Sarta, il sessantenne augustano, operaio con la passione per il mare, deceduto in un tragico incidente sull’autostrada Catania-Siracusa lo scorso 21 dicembre. La singolare cerimonia in mare, di origine hawaiana, si è svolta stamani nel golfo Xifonio, creando una coreografia emozionante.

Le esequie erano state celebrate nel pomeriggio del 23 dicembre nella chiesa di San Giuseppe Innografo, dinanzi a una moltitudine di persone accorse per onorare le spoglie mortali e dare conforto ai congiunti. Gli amici del team Awa, l’Asd windsurf Augusta di cui era vicepresidente, hanno quindi deciso di commemorarlo ancora una volta, a loro modo, riunendosi sulla spiaggetta al Granatello con le proprie tavole da surf, sup e canoe.

Partiti dalla sede nautica del sodalizio sportivo, il “porticciolo” di Punta Izzo presso il Crdd della Marina militare, hanno raggiunto la spiaggetta pubblica, dove hanno ricevuto un fiore dalla sposa Diana. Sono entrati in acqua, distanziandosi un paio di centinaia di metri dal litorale, e hanno infine formato un cerchio attorno alla tavola di Roberto Sarta, quella su cui aveva effettuato le evoluzioni più spettacolari. Niente lacrime, ma sorrisi, fiori e schizzi. Infatti l’espressione inglese “paddle out” assume il significato di “cerimonia di pagaia”.

Come ricorda il presidente dell’Awa, Marco De Filippo, il compianto Roberto Sarta è stato uno dei primi augustani a praticare il windsurf, negli anni ’80, essendo poi tra i fondatori del sodalizio sportivo nel 2005 e non facendo mai mancare il proprio apporto organizzativo e la propria viscerale passione.


In alto