Cronaca

Augusta, pesca a strascico in zona vietata, per peschereccio locale multa e sequestro rete

AUGUSTA – Un peschereccio della marineria locale, risultato “intento a effettuare attività di pesca a strascico in zona vietata”, precisamente a nord di capo Campolato, è stato sottoposto a controllo da parte della motovedetta Cp 525 della Guardia costiera di Augusta, dopo la segnalazione da parte di un elicottero in perlustrazione del 2° Nucleo aereo della Guardia costiera con sede a Catania.

In tale specchio di mare, compreso entro la congiungente che collega capo Mulini a capo Santacroce, vige infatti il divieto permanente di pesca a strascico.

Il peschereccio è stato quindi scortato nel porto-canale di Brucoli, ove si è proceduto al sequestro della rete da pesca. Della comminazione della sanzione amministrativa, pari a circa 4 mila euro, si è invece occupato il 2° Nucleo aereo della Guardia costiera.

Tra gli altri interventi effettuati dalla Guardia costiera, sempre oggi, la motovedetta Cp 525 ha rinvenuto e sequestrato, a carico di ignoti, un’ulteriore rete all’interno del porto Megarese, ove vige divieto permanente di pesca.

inserzioni

Inoltre, lo scorso sabato pomeriggio, personale della Capitaneria di porto di Augusta e dei Vigili del fuoco del distaccamento di Augusta era intervenuto nel fiordo di Brucoli per un incendio divampato su un’imbarcazione da diporto, per cause in corso di riscontro.

L’incendio era stato prontamente domato e non aveva provocato danni a persone. Il personale della Guardia costiera di Augusta, giunto sui luoghi, ha svolto preliminari accertamenti.


scuolaopenday
In alto