Pubblicità elettorale

Politica

Augusta, rinegoziazione mutui per liquidità a imprese, il sindaco Di Pietro: “Un milione e mezzo di euro, ma non sarà indolore”

AUGUSTA – Tramite un videomessaggio postato in serata sulla propria pagina social, il sindaco Cettina Di Pietro (nella foto di repertorio in copertina) annuncia che il Comune metterà “oltre un milione e mezzo di euro” a disposizione delle imprese uscite malconce dai due mesi di “lockdown” per l’emergenza Covid. Si riferisce, genericamente, a “gli imprenditori che sono rimasti fermi, inattivi in questo periodo“. L’annuncio arriva, a sorpresa, nel momento in cui il confronto (social o in videoconferenza) si era fatto più acceso tra maggioranza e opposizione sulla necessità e l’urgenza di misure di sostegno agli operatori economici del territorio per affrontare la “Fase 2”, a quarantott’ore dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale del cosiddetto decreto Rilancio.

I fondi arriverebbero dalla rinegoziazione di mutui contratti in passato dall’Ente, “muovendoci nel perimetro di quanto consentito dalla normativa nazionale“, poi “i criteri di ripartizione di queste somme saranno stabiliti con un apposito regolamento sul quale gli uffici stanno già lavorando e che passerà in consiglio comunale“. Allo stesso tempo, il primo cittadino avverte che “l’amministrazione ha preso questa scelta fondamentale, che non sarà indolore, ma che in questo momento è una scelta necessaria“.

L’annunciata rinegoziazione “trasformerà – afferma il sindaco – 57 dei mutui in questo momento accesi, non sono tutti ovviamente, in un’unica rata accorpandoli, e sostanzialmente mentre annualmente il Comune per questi mutui paga una rata che riguarda gli interessi e un’altra la somma capitale, potrà trattenere per sé questa somma capitale che appunto è di poco più di un milione di euro“.

Si tratterebbe di mutui contratti dal Comune con Cassa depositi e prestiti, da cui si ricaverebbe circa un milione del milione e mezzo stimato. Ma la contropartita è che con “questa rinegoziazione sarà allungata la scadenza dei mutui, che arriverà, purtroppo, al 2043“, come riferisce il sindaco.

inserzioni

Mi avete sentito in diversi interventi in consiglio comunale – sottolinea Di Pietro, richiamandosi alla “trasparenza” – biasimare il fatto che fossero contratti così tanti mutui, molti peraltro non hanno trovato poi riscontro in opere realizzate per la città, ma hanno semplicemente gravato sul bilancio comunale. Parlando della durata eccessiva, nel senso che avremmo indebitato i nostri figli. Oggi questa scelta è dovuta perché serve ad affrontare un periodo eccezionale di crisi e quindi va fatta“.

La quota restante del milione e mezzo stimato arriverebbe dalla rinegoziazione dei mutui con il Credito sportivo, per 137 mila euro, e con il Mef (Ministero dell’Economia e delle Finanze), per 318 mila euro. “In questo caso non ci sarà nessuna modifica della scadenza dei mutui ma la sospensione del pagamento della rata per un anno, quindi consentendo di trattenere per il Comune di Augusta questa importante liquidità“, precisa il sindaco.

Spero che grazie a queste misure concrete che stiamo adottando – conclude il primo cittadino nel videomessaggio – si possa finalmente uscire da questo periodo di crisi e tornare a vivere normalmente tutti, anche se purtroppo siamo ancora in fase di emergenza Covid“.


scuolaopenday
In alto