Pubblicità elettorale

Cronaca

Brucoli, sequestrato pontile e rimosse imbarcazioni sul “lungomare”

AUGUSTA – Un’attività di polizia marittima, demaniale, giudiziaria e amministrativa, stamani, è stata effettuata su una porzione del cosiddetto lungomare di Brucoli, culminata anche con il sequestro di un’area demaniale marittima di circa 250 metri quadrati, comprendente un pontile.

Sono stati impegnati personale della Capitaneria di porto di Augusta, con il supporto del Nucleo servizio difesa anti mezzi insidiosi della Marina militare, congiuntamente al Commissariato di pubblica sicurezza di Augusta, nel corso di controlli congiunti cui hanno partecipato tutti i corpi di polizia dislocati in città, composti dalla Compagnia Carabinieri, dalla Compagnia Guardia di finanza e dal Corpo di Polizia municipale.

In particolare, tale operazione è stata preceduta da una propedeutica attività di posizionamento di diffide su tutte le imbarcazioni, non iscritte nei registri marittimi e quindi di ignoto proprietario, come contestato dalla Guardia costiera, “illegittimamente collocate, in forma stabile, sul pubblico demanio marittimo, e su tutti i gavitelli d’ormeggio presenti”. In ottemperanza alle diffide apposte, i circa quaranta soggetti interessati hanno provveduto a rimuovere volontariamente le stesse imbarcazioni.

Si è quindi proceduto a rimuovere coattivamente circa 3 metri cubi di materiale costituito da cemento, pietre, cordami, ferro e gavitelli, tutti sottoposti a sequestro penale. Altresì, i militari hanno proceduto al sequestro penale di un pontile e di una pedana collocati sul pubblico demanio marittimo “in assenza di concessione”, e di circa 250 metri quadrati di area demaniale invasa da rifiuti vari.

inserzioni

Si procurerà di chiedere alla Regione Sicilia e al Comune di Augusta la bonifica delle aree, previo nulla osta dell’Autorità giudiziaria, ponendo inoltre in essere la rimozione coatta del pontile – si rende noto nel comunicato sull’operazione – La proficua collaborazione fra gli Organi dello Stato consente di razionalizzare l’impegno e di mettere a fattor comune lo sforzo proteso alla tutela della legalità, andando nella direzione della salvaguardia della collettività“.


scuolaopenday
In alto