Cultura

Cremazione, servizio sempre più richiesto alle agenzie di onoranze funebri

La cremazione è il processo mediante il quale un corpo viene ridotto tramite il fuoco in cenere e frammenti ossei. Si svolge in un crematorio, che può essere affiliato a un’impresa di pompe funebri o un cimitero o può essere una struttura indipendente.

La cremazione è diventata molto popolare molto rapidamente. Fino a vent’anni fa era impensabile per molti italiani l’idea di far cremare da un’agenzia di onoranze funebri i loro cari. Oggi è una delle pratiche più comuni al mondo e in Italia, ancora fortemente ancorata alla classica sepoltura dei defunti, sta pure prendendo il sopravvento.

Per capire in che cosa consiste il servizio di cremazione e quanto costa, tra gli innumerevoli preventivi reperibili online, è possibile visionare il sito di lastello.it Si tratta di un portale web diverso, di facile intuizione, utile per rendere l’idea sul tema agli utenti.

Infatti questo sito sarebbe il primo, con un algoritmo unico, comparatore per i prezzi delle agenzie funebri presenti in Italia: questo significa che gli utenti che si iscriveranno potranno avere dei preventivi gratuiti su tutti i servizi e prodotti legati a un funerali quali carri, lapidi, casse, inumazione, tumulazione e cremazione.

inserzioni

Per quanto riguarda quest’ultima dobbiamo ricordare che uno dei motivi per cui più persone la scelgono in questo periodo storico, che non è favorevole dal punto di vista economico, oggi è il costo. La cremazione può costare sostanzialmente meno di una tradizionale sepoltura in stile americano del XX secolo.

Anche le preoccupazioni ambientali sono un fattore: la cremazione è generalmente vista come più rispettosa dell’ambiente rispetto al seppellire un corpo, imbalsamato o meno, con una bara e una volta sepolcrale o un rivestimento di tombe.

La cremazione ha comunque un certo impatto ambientale, poiché il carburante viene utilizzato per far funzionare il crematorio e ci sono emissioni di carbonio come risultato del processo.

E molte religioni oggi consentono la cremazione, inclusa la maggior parte delle denominazioni cristiane, sebbene ci siano linee guida ed eccezioni: l’Islam e l’ebraismo ortodosso, ad esempio, non consentono ancora questo metodo.

Se si sta pianificando un funerale per una persona cara che desiderava essere cremata, o se si ci sta meditando su per quando inizierà il proprio eterno riposo, ecco uno sguardo a cosa comporta il processo, quali sono i passi da fare e le opzioni tra le quali scegliere.

  • In cosa consiste effettivamente la cremazione?

Prima che un corpo possa essere cremato, devono essere effettuati alcuni preparativi. Il corpo non ha bisogno di essere imbalsamato prima della cremazione, anche se può esserlo. Pacemaker, protesi e altre parti che non appartengono realmente al corpo, soprattutto quelle a base di silicone, vengono rimosse prima della cremazione.

Così sono tutti gli isotopi radioattivi che potrebbero essere stati impiantati nel corpo come parte del trattamento del cancro. Il corpo è posto in un contenitore, come una bara o una scatola.

La camera di cremazione, noto anche come “forno crematorio”, viene preparata riscaldandola a circa cinquecentonovanta gradi Celsius, sebbene possa arrivare fino a oltre mille gradi durante il processo di cremazione.

Il contenitore con il corpo viene posizionato su un dispositivo dal quale può essere arrotolato nella storta. In genere, solo un corpo può essere cremato alla volta e la maggior parte delle camere di cremazione è abbastanza grande per un corpo, rivestito con mattoni in fibra che trattengono il calore. Le moderne camere di cremazione tendono ad essere alimentate a gas naturale, propano o diesel.

La cremazione di un corpo umano richiede in genere da due a tre ore per essere completata. Durante questo periodo, il liquido nel corpo si trasforma in vapore prima che i tessuti e le ossa rimanenti brucino. Ci vuole più tempo per cremare le ossa. Al termine della cremazione, la storta viene raffreddata e i resti vengono rimossi.

Questo momento finale si chiama polverizzazione e viene effettuata con una macchina che si chiama cremulator. Infine si ricorda che i resti alla fine saranno consegnati ai parenti del defunto che potranno scegliere tra varie opzioni e cioè tenerli in casa, oppure portarli al cimitero o semplicemente disperderli o infine elaborarli e trasformarli in diamante.


archeoclubmegarahyblaea
In alto