Primo piano

Lungomare Paradiso al buio, pericoloso conferire i rifiuti la sera

AUGUSTA – Come segnalano i residenti, il lungomare Paradiso è praticamente al buio ormai da diversi mesi. La situazione, che arreca un evidente disagio dopo il tramonto, genera ulteriori problemi se connessa all’ordinanza che impone il conferimento dei rifiuti non ingombranti nelle ore serali, segnatamente tutti i giorni ad eccezione del sabato dalle ore 18 alle ore 22.

Il residente Stefano Stella, dopo aver segnalato la problematica in questi ultimi due mesi tramite i canali istituzionali previsti, ha deciso di segnalare il caso alla Redazione de La Gazzetta Augustana.it, per rendere nota la richiesta inviata alle autorità competenti di sospendere l’ordinanza summenzionata o quantomeno di anticipare l’orario di conferimento alle ore 14, limitatamente al lungomare Paradiso e finché non verrà ripristinata l’illuminazione pubblica.

Tale richiesta è finalizzata, si legge, a tutelare i residenti del quartiere, con particolare attenzione alle persone anziane o che vivono da sole, che sono obbligati a gettare i rifiuti nei cassonetti posizionati al lungomare Paradiso tra la pericolosità di una strada al buio e la presenza di diversi gruppi di cani randagi.

Qui di seguito pubblichiamo la lettera aperta di accompagnamento che abbiamo ricevuto da Stefano Stella, già presidente della soppressa circoscrizione Terravecchia – Paradiso.

inserzioni

Questa Amministrazione aveva assicurato di stare vicino ai cittadini e alle loro esigenze. Sono consapevole che con la situazione economica in cui versa la nostra città non sia sempre possibile ma su alcune piccole cose si potrebbe avere un’attenzione diversa, quelle piccole attenzioni che alla fine non costano nulla. A cosa mi riferisco? Come è ben risaputo al lungomare Paradiso siamo ad oggi da due mesi completante al buio, e non sto qui a ripetevi le difficoltà che abbiamo, anche solo scendere dalla macchina ed aprire il portone diventa una cosa ardua.

Ancora l’Amministrazione non è riuscita ad intervenire ma lo scrivente aveva chiesto all’assessore Suppo (incontro al Comune il 22 dicembre), al fine di agevolare i cittadini, di anticipare il deposito dei Rsu in orari diurni alla luce del fatto che nella strada abitano diverse persone anziane e sole. Ho ribadito la stessa cosa in una nota trasmessa anche al Sindaco chiedendo “solo per la strada al buio e solo per il periodo nel quale resteremo senza luce”  di anticipare il deposito dei Rsu.

La risposta dell’Amministrazione è stata quella del Comando della Polizia Municipale che ci ha gentilmente avvisati che: “Da parte di questo Comando è in programma un’attività di controlli specifici al fine di contrastare il fenomeno del deposito dei rifiuti fuori dagli orari consentiti”. Sono d’accordo sul rispetto delle regole ma chi le fa deve mettere in atto anche tutte le azioni propedeutiche al fine di poterle rispettare!

A tale scopo mi sono chiesto: “Se una famiglia deve partire di domenica mattina per recarsi fuori da Augusta per diversi giorni, la spazzatura dove e come la deve depositare?”. Probabilmente, e mi auguro di sì, hanno predisposto un posto dove poter fare il deposito in altri orari o una soluzione a detto problema, ma hanno omesso di spiegarlo ai cittadini.

Ecco queste sono le attenzioni, che ripeto non costano nulla, ma che farebbero pensare che un’amministrazione è consapevole delle esigenze dei cittadini. Per quanto sopra rinnovo l’invito al Sindaco e agli assessori competenti di venire a gettare i rifiuti “a piedi” al lungomare Paradiso ma… dopo le 18.00 e prima delle 22.00.


inserzioni inserzioni
In alto