Politica

Sciolto unilateralmente il progetto civico “#perAugusta”, Guagliardo saluta Stella e Di Mare

AUGUSTA – Dopo neppure quattro mesi, si scioglie unilateralmente la federazione civica “#perAugusta”, a maggio suggellata da un partecipato congresso cittadino in cui si annunciava il percorso politico comune tra i movimenti-liste civiche “Cambiaugusta” e “Nessun dorma”, con la presidenza onoraria a Roberto Meloni, e che vedeva in proiezione la candidatura a sindaco del consigliere comunale di opposizione Giuseppe Di Mare (vedi articolo). Una federazione civica che, una settimana fa, si arricchiva dell’adesione del nuovo movimento giovanile dal nome “Destinazione futuro” (vedi articolo).

È Marcello Guagliardo, in arte Giordani, a porre fine all’esperimento di convergenza tra il movimento “Nessun dorma”, da lui creato in occasione delle scorse elezioni amministrative a supporto della sua candidatura a primo cittadino, e il movimento civico “Cambiaugusta” che sostenne Marco Stella a sindaco ed espresse quale unico rappresentante nel civico consesso Giuseppe Di Mare.

Guagliardo, che sul fronte artistico-professionale ha recentemente omaggiato, ancora una volta, la città portando in scena in piazza Duomo l’opera lirica Pagliacci, ricorda: “Poco più di tre mesi fa nasceva la federazione tra i due movimenti politico-culturali “Cambiaugusta” e “Nessun dorma”. Con grande orgoglio ho deciso di dare un seguito al mio cammino politico iniziato due anni fa con la mia candidatura a sindaco ancora più convinto che la politica debba essere intesa esattamente con il significato per cui nacque secoli fa, ovvero, a servizio della comunità“.

Quindi annuncia lo scioglimento: “Impegni di lavoro e nuovi progetti culturali mi assorbiranno nei prossimi mesi, per tale motivo desidero informare la cittadinanza che si ritiene necessario lo scioglimento della federazione per consentire ai due movimenti di proseguire autonomamente per le proprie strade“.

Ma Guagliardo sottolinea l’intento di proseguire la propria attività politica nel territorio: “La mia volontà è quella di rimanere sul campo per riconsegnare alla nostra città quella grandezza storico-culturale che da sempre l’ha contraddistinta ma di cui, negli ultimi tempi, se ne lamenta la carenza. Desidero infine augurare, di cuore, buona fortuna agli amici di “Cambiaugusta” per il loro percorso intrapreso“.

(Foto in evidenza: repertorio)


getfluence.com
In alto