News

Augusta, Coronavirus, 5 i ricoverati al Covid center. Al via tamponi per tutti i sanitari in provincia

AUGUSTA – La direzione dell’Asp di Siracusa ha disposto l’esecuzione del tampone a tutti gli operatori sanitari “nel rispetto delle priorità indicate nell’ordinanza del presidente della Regione“.

Sarebbero infatti finalmente arrivati in Sicilia i reagenti necessari e già da fine marzo in provincia risultano autorizzati dalla Regione due laboratori analisi per processare i tamponi: il laboratorio privato accreditato di Avola e il laboratorio dell’ospedale di Siracusa. Così “i referti dei tamponi eseguiti saranno restituiti in poche ore“, rende noto l’Asp.

Intanto in provincia cresce il numero dei pazienti ricoverati che hanno superato la fase critica, tornati a casa in isolamento o trasferiti al Covid di Noto fino allo scadere dei 14 giorni per l’esecuzione, secondo protocollo, dei due tamponi l’uno a distanza di 24 ore dall’altro che confermeranno la negativizzazione e quindi la guarigione sierologica dalla malattia.

Sono ad oggi 24 i pazienti guariti clinicamente, cioè con la scomparsa dei sintomi, 2 guariti sierologicamente, 16 sono stati dimessi a casa in isolamento in attesa dei due tamponi, 17 trasferiti al Covid di Noto da dove 4 hanno già fatto rientro a casa.

inserzioni

In tutto i pazienti al momento ricoverati in provincia di Siracusa sono 44, 13 al Covid di Noto, 20 al Covid center di Siracusa, 5 al Covid dell’ospedale “Muscatello” di Augusta, 3 al Covid pneumologia dell’Umberto I, 3 in terapia intensiva.

È importante l’aspetto clinico – sottolinea nel comunicato dell’Asp l’infettivologa Antonina Franco e cominciare subito la terapia appropriata al manifestarsi della prima sintomatologia per evitare la progressione dell’infezione a livello polmonare che può sfociare in una insufficienza respiratoria acuta”.

Nello stesso comunicato odierno, la direzione dell’Asp esprime “sentiti ringraziamenti a tutte le forze dell’ordine della provincia di Siracusa, polizia, carabinieri, guardia di finanza, perché con il loro costante controllo e la loro presenza garantiscono ordine e rispetto delle regole nelle strutture sanitarie della provincia a garanzia degli operatori e degli utenti in un momento così complesso e difficile“.

(Foto di copertina: generica)


scuolaopenday
In alto