News

Augusta, Covid, casi positivi salgono a 53. Da oggi in vigore anche il coprifuoco notturno

AUGUSTA – Salgono a 53 i casi attualmente positivi al Covid-19 nel territorio di Augusta. Lo rende noto il neo sindaco Giuseppe Di Mare attraverso un video pubblicato stamani sui social network. “La situazione rimane sempre sotto controllo“, assicura.

Sono quindi due casi in più rispetto al dato fornito alla stampa la sera del 22 ottobre, in occasione della sua proclamazione, poi confermato ufficialmente l’indomani. Si tratterebbe di asintomatici o paucisintomatici, in quarantena domiciliare, giacché non sono stati comunicati ricoveri ospedalieri.

Intanto, da questa domenica 25 ottobre e fino a venerdì 13 novembre è efficace la nuova ordinanza del presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, concordata con il ministero della Salute, che prevede, tra l’altro, il coprifuoco notturno (divieto di circolazione con ogni mezzo dalle ore 23 alle 5 del giorno successivo, con le consuete eccezioni già previste ai tempi delle autocertificazioni: comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o d’urgenza, motivi di salute e rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza) e da lunedì 26 ottobre la sospensione delle lezioni in presenza con l’avvio della sola didattica a distanza nelle scuole superiori.

Inoltre, l’ordinanza dispone che gli esercizi commerciali, tra cui outlet e centri commerciali, resteranno aperti anche la domenica ma fino alle ore 14, a eccezione di edicole, farmacie e tabaccherie che potranno mantenere i consueti orari di chiusura.

L’attività di ristorazione, invece, sarà consentita dalle ore 5 alle 23, con consumo al tavolo ma con un massimo di sei persone per tavolo. La consumazione al banco è ammessa solo dalle ore 5 alle 18. È invece consentita la ristorazione, solo per la consegna a domicilio, fino alle ore 24, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Possibili anche le attività di mense e catering.

Sono misure che magari non riusciamo a condividere, che non comprendiamo, che non troviamo corrette da alcuni punti di vista – afferma stamani il sindaco Di Mare – ma le dobbiamo rispettare, perché le prossime due settimane sono fondamentali. Abbiamo il dovere di evitare un nuovo lockdown e, rispettando queste norme, possiamo riuscirci“.

(Foto di copertina: generica)


In alto