Magazine

Augusta, il deposito Maxcom e la città: una storia di oltre 100 anni

AUGUSTA – Il deposito Maxcom Petroli costituisce una realtà storica del territorio augustano, trattandosi di un insediamento industriale che risale al primo novecento (vedi foto di copertina), antecedente agli insediamenti abitativi del quartiere Borgata. Nel dopoguerra il deposito ha assistito alla crescita esponenziale della comunità locale grazie anche allo sviluppo dell’industria petrolchimica, strettamente connesso a quello del porto commerciale. Proprio in quegli anni lo stabilimento accoglieva storie di vita di abitanti e persone trasferitesi in città per lavorarvici. Anno dopo anno si andava rafforzando quella che poi sarebbe stata l’eredità raccolta dalla Maxcom, che iniziava così a scrivere la sua lunga storia siciliana.

Augusta è cambiata molto nel tempo e con lei anche il deposito, che si è reso protagonista di grandi mutamenti. I più importanti riguardano i prioritari aspetti legati alla sicurezza ed alla salute dei lavoratori e quelli relativi alla tutela dell’ambiente. Proprio in questa direzione vanno gli sforzi della società che, sempre più convinta dell’importanza strategica del deposito augustano, ha da tempo avviato un programma di miglioramento continuo supportato da un piano di investimenti del valore di circa 7 milioni di euro in tre anni.

Per garantire le opportune condizioni di sicurezza e sostenibilità sono state adottate importanti misure di carattere organizzativo: ad esempio l’ottimizzazione del flusso di autobotti in ingresso/uscita dal deposito, resa possibile dalla variazione degli orari di operatività, ha fatto sì che il traffico locale non venisse congestionato nelle fasce orarie di maggior afflusso di persone e veicoli come quelli in corrispondenza dell’entrata ed uscita dalle scuole. Inoltre, sempre in termini di sicurezza, è utile ricordare che tutti i serbatoi del deposito sono destinati esclusivamente allo stoccaggio di gasoli ed oli combustibili (definiti in gergo prodotti di “categoria C”), e non quindi ai prodotti estremamente infiammabili come le benzine o i carburanti per aviazione (prodotti di “categoria A” e “categoria B”).

In parallelo alle misure appena menzionate sono stati realizzati numerosi investimenti finalizzati a garantire una miglior qualità di vita alla comunità locale. Tali progetti hanno di riflesso generato un indotto per l’economia locale non indifferente; sono molteplici le ditte del territorio a cui Maxcom Petroli fa e farà ricorso per realizzare interventi di varia natura: si pensi al rifacimento strutturale di alcuni tetti dei serbatoi, alle nuove installazioni come la copertura della vasca per la raccolta delle acque reflue, alle manutenzioni straordinarie delle strutture edili ben visibili dall’esterno quali la palazzina uffici ed il locale portineria… per citarne solo alcune.

inserzioni

Di particolare rilevanza è l’intervento di ripristino del fondo dei serbatoi di stoccaggio, contestuale all’installazione di un sistema di “monitoraggio H24” della tenuta del fondo stesso.

È stato inoltre installato un sistema di telemisura del livello di prodotto, presente all’interno dei serbatoi, in grado di trasmettere elettronicamente i dati e renderli visibili sia presso postazioni operative del deposito che sui terminali del personale d’ufficio responsabile della gestione e movimentazione dei prodotti petroliferi. È facilmente intuibile il grande contributo in termini di sicurezza operativa portato da questa innovazione ad elevato contenuto tecnologico.

Il Deposito Maxcom ha, da un punto di vista logistico, fondamentale importanza anche per ciò che riguarda la fornitura di combustibili navali, sia tramite bettolina su Augusta, Santa Panagia e Catania, che tramite autobotti stradali in altri porti della Regione Sicilia. Il gasolio destinato a tali scopi, in base alla vigente normativa doganale, necessita di colorazione, meglio identificata con il termine “denaturazione”. Per arginare i potenziali rischi legati a tale operazione, si è scelto di installare un sistema di denaturazione “in linea” del gasolio, in sostituzione delle procedure di denaturazione in serbatoio. Tale modifica comporta notevoli benefici dal punto di vista della qualità del prodotto finale, del risparmio energetico, ma anche della salute e della sicurezza, essendo in questo modo minimizzate sia l’esposizione del personale ai denaturanti utilizzati, sia le operazioni di movimentazione e ricircolo del gasolio stesso.

Tutti gli interventi e gli investimenti intrapresi, solo in parte qui menzionati, costituiscono la prova tangibile che Maxcom sta perseguendo delle strategie precise al fine di rendere il proprio deposito conforme ai più elevati standard di sicurezza e sostenibilità. È forte la convinzione da parte della Dirigenza Maxcom che il futuro del deposito costituisca una risorsa preziosa per la crescita economica e produttiva di tutta la comunità augustana. Per questa ragione diviene prezioso e strategico il confronto quotidiano e quantomai sinergico con la comunità locale e con le autorità competenti, al fine di preservare e migliorare la qualità del rapporto, all’insegna della massima trasparenza e vicinanza. Solo cosi Maxcom e Augusta potranno continuare a scrivere, insieme, nuove pagine di questa storia iniziata più di 100 anni fa!

CAMPAGNA ISTITUZIONALE: MAXCOM PETROLI SPA

scuolaopenday
In alto