News

Augusta, patto tra Autorità portuale e Confindustria per il “porto hub della Sicilia”

AUGUSTA – Una visita definita “di cortesia” dai padroni di casa quella, svolta nei giorni scorsi ma resa nota oggi, dell’attuale commissario straordinario e presidente indicato dell’Autorità di sistema portuale (Adsp) del mare di Sicilia orientale, Alberto Chiovelli, al presidente di Confindustria Siracusa, Diego Bivona.

All’incontro, nella sede di Confindustria Siracusa, oltre al presidente, erano presenti anche il vicepresidente delegato all’economia del mare, trasporti e logistica, l’augustano Domenico Tringali e il direttore di Confindustria Siracusa, Carmelo Di Noto. Mentre il commissario straordinario dell’Adsp Augusta-Catania era accompagnato dal segretario generale Attilio Montalto (vedi foto di copertina, ndr).

Il presidente degli industriali siracusani ha definito “molto proficuo” l’incontro, rimarcando “la professionalità e l’esperienza” di Chiovelli e sostenendo come quest’ultimo, ancora in attesa del decreto ministeriale di nomina, “in questo momento, più che mai, potrà al meglio rilanciare il ruolo del Porto “hub” di Augusta, al centro del Mediterraneo“. Come noto, il ministro alle infrastrutture Enrico Giovannini ha indicato il commissario straordinario dell’Adsp (in carica da febbraio) per la presidenza, ma i sindaci di Augusta, Melilli e Priolo Gargallo si sono ribellati inviando una lettera al presidente della Regione, Nello Musumeci, per chiedergli di negare la prevista intesa sulla nomina.

Quindi i temi di confronto tra l’ente portuale e gli industriali. “È indubbio – ha detto Bivona – che la sfida imperdibile dei fondi del Recovery plan riguarda il Porto di Augusta, per il quale serve un impegno collettivo affinché diventi “Porto Hub della Sicilia”, in particolare per la realizzazione del deposito di Gnl, che rappresenta un passo significativo verso la transizione energetica voluta dall’Europa e che potrà rappresentare un volano economico fondamentale per lo sviluppo delle attività portuali nel mediterraneo all’interno del corridoio scandinavo“.

Altrettanto rilevante per Bivona, secondo quanto si rende noto oggi, sarà “l’attuazione degli investimenti nelle aree retrostanti al Porto e ricadenti tra le Zes (Zone economiche speciali, ndr), dove occorrerà saper intercettare investimenti privati che possano far crescere il territorio e ridare fiato all’economia e al lavoro”.

Dal canto suo, il commissario straordinario Chiovelli ha espresso “piena condivisione di vedute” con Bivona, ha auspicato “l’estensione dell’Adsp della Sicilia orientale includendo anche il porto di Pozzallo” e affermato di essere d’accordo per il “potenziamento del retro-porto di Augusta con investimenti infrastrutturali per i collegamenti ferro-gomma, oggi assolutamente deficitari, che fungano da ulteriore volano di sviluppo dell’area”.

Si apprende che si è parlato anche della bonifica della rada di Augusta, di stringente attualità dopo il decreto del ministero della Transizione ecologica che ha sancito la “conclusione positiva” della fase istruttoria e dopo il ricorso di una delle aziende. L’opera di bonifica è ritenuta da entrambi gli interlocutori “importante”, ma, secondo Bivona, “va realizzata tenendo conto delle attività portuali in essere”.


In alto