Cronaca

Brucoli, rimossi pontile e pedana abusivi sul “lungomare”

AUGUSTA – Stamani militari della Guardia costiera di Augusta hanno fatto bonificare dai rifiuti, ad opera del Comune che si è avvalso del gestore del servizio di igiene urbana (l’ati “Megarambiente”), un’area demaniale marittima di alcune centinaia di metri quadrati, già sottoposta a sequestro penale, sul cosiddetto lungomare di Brucoli.

L’area versava in uno stato di “assoluto degrado“, come si legge nel comunicato della Capitaneria di porto, e, su autorizzazione dell’autorità giudiziaria competente, sono stati fatti rimuovere, per la successiva distruzione, il pontile e i resti della pedana in legno già sequestrati, al tempo realizzati “in assenza di concessione“.

Si è conclusa così l’operazione chiamata “Lungomare di Brucoli liberato”, avviata il 25 luglio del 2020 dalla Capitaneria di porto – Guardia costiera con il supporto dei subacquei del Nucleo Sdai della Marina militare e del Commissariato di pubblica sicurezza di Augusta, che aveva portato alla rimozione coatta di circa 3 metri cubi (ammontanti a circa 3 tonnellate) di materiale costituito da cemento, pietre, cordami, ferro e gavitelli, al sequestro penale del pontile e della pedana, e al sequestro penale di circa 250 metri quadrati di area demaniale invasa da rifiuti vari, fra cui numerose imbarcazioni.


In alto