Archivio

È andata in scena l’identità classica del Liceo “Megara”

le-troiane-liceo-classico-megara-augusta-2AUGUSTA – La mite serata del 21 dicembre è stata rischiarata dai talenti in erba del Liceo classico “Megara”, magistralmente diretti dalla docente Loretana Passanisi.

Con la scenografia allestita nella palestra del Comando Marisicilia di Augusta, alla presenza del capo di Stato Maggiore Loi, del sindaco Di Pietro e della dirigente scolastica Castorina, i ragazzi dello storico istituto superiore cittadino hanno proposto un pezzo teatrale tratto dal dramma euripideo “Le Troiane”, nella traduzione e adattamento scenico curati dalla stessa Passanisi, docente di latino e greco.

La scelta di questa tragedia non sarà stata casuale, ma ispirata dai recenti episodi di barbarie terroristica che hanno ancora una volta sconvolto l’Occidente e dalle azioni belliche che ne sono derivate. Infatti, Euripide propone al pubblico, oggi come allora, una riflessione sul dramma della guerra, sul dolore e sui lutti che essa inevitabilmente porta con sé, puntando i riflettori sui vinti, che nell’opera sono le donne troiane.

le-troiane-liceo-classico-megara-augusta-1Palese la modernità dei grandi classici greci e latini, che mai smettono di parlare all’animo di chi presta loro l’attenzione che meritano. Tale consapevolezza, acquisita nel corso degli anni passati a contatto con queste magnifiche opere, ha animato gli allievi del “Megara”, che si sono misurati con i versi dell’ultimo grande drammaturgo ateniese. Tra i giovani studenti in scena, tutti meritevoli, citiamo gli interpreti dei ruoli principali: Maria Rita Gigliottino (V B) nei panni di Ecuba, Lorenza Saraceno (III B), la conturbante Elena, e Joseph Insirello (IV A), l’iroso Menelao.

Una menzione speciale spetta alle componenti del coro di donne troiane e ai danzatori, che hanno reso al pubblico la necessaria atmosfera di profondo e scorato dolore per i lutti subiti. Le emozioni trasmesse dagli interpreti sono state forti e coinvolgenti e hanno intrigato gli attenti studenti delle terze medie della Città, ospiti d’onore della serata insieme ai loro docenti e dirigenti scolastici.

Il valore degli studi classici è stato dimostrato ampiamente al giovane pubblico non solo dalla performance teatrale, ma anche dalla testimonianza di alcuni professionisti affermati in ambiti diversi, come ingegneri, avvocati, stilisti, che hanno frequentato con notevole successo il Liceo classico “Megara” e che, intervistati dalla docente Passanisi, hanno testimoniato quanto nelle loro esperienze universitarie e lavorative siano stati agevolati dalle capacità analitiche e critiche acquisite grazie agli studi classici.

Chi trascura le proprie radici è già morto, perché non ci può essere futuro senza passato. Evidentemente i docenti e gli alunni del “Megara”, mossi da questa profonda convinzione, non smetteranno di promuovere sempre il grande valore della loro scuola.


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2023 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2015/2023 PF Editore

In alto