LifeStyle

Ecco i segni rivelatori che il tuo partner ha paura di impegnarsi in una relazione

La paura di impegnarsi è una caratteristica tipica delle relazioni contemporanee, che siano etero o omosessuali. In questo articolo di costume, senza pretese di approccio scientifico, analizzeremo alcune caratteristiche dei partner “sfuggenti”, vedremo perché sono così, elencheremo le scuse più tipiche nelle relazioni.

  • Perché alcune persone hanno paura di impegnarsi

La paura di impegnarsi in una relazione è una “fobia” sempre più diffusa. Le persone che ne soffrono di solito sono apparentemente aperte, addirittura affascinanti, ma in realtà hanno una profonda chiusura interiore e temono qualsiasi cambiamento: pensano che se usciranno dalla loro “bolla” non saranno più in grado di controllare la loro vita e ciò talvolta genera in loro una forte ansia.

L’amore è una delle cose che fa più paura al mondo, perché mette in gioco la totalità di noi stessi. Tuttavia, da quando l’instabilità delle relazioni è diventata normale e anzi desiderabile secondo molti, si è creato un equivoco tra la libertà e l’assenza di impegno. Le due cose non coincidono affatto!

Le persone che hanno paura di impegnarsi, solitamente, hanno subito dei traumi, delle ferite da abbandono. Sono spesso dei grandi seduttori, perché questa è una eccellente maschera e una buona giustificazione per mascherare il loro terrore di innamorarsi.

  • Segni rivelatori di questo problema per tutti i tipi di relazioni romantiche (tra etero, gay, lesbiche)

La paura di impegnarsi è un problema che affligge tutte le relazioni umane contemporanee: che si tratti di amicizie o di amori etero, gay o lesbici. Ci sono alcune differenze esteriori, di cui parleremo, ma non sostanziali. Se pensi che il tuo partner si stia comportando in modo distaccato e che non prenda mai responsabilità serie e importanti, fai attenzione ai seguenti segnali. La lista è stata elaborata da un team di consulenti di una recensione dei siti incontri con gay.

– Il partner non vuole fare piani comuni;

– non prende mai iniziativa;

– non mostra interesse per la tua vita;

– pensa solo alle proprie esigenze;

– non parla di voi come di una coppia.

In particolare, nelle relazioni omosessuali, possono sorgere alcuni problemi apparentemente legati alla paura del partner di fare coming out, ma in realtà indicatori di paura di impegnarsi. Dato che viviamo ancora in una società con marginali retaggi definibili omofobi, può essere normale che il partner provi timore di far sapere alla sua famiglia o ai suoi amici che è fidanzato con te. Per questo fare attenzione a tutti i segnali sopra nominati è utile per cercare di distinguere una cosa dall’altra; se hai ancora dubbi, cerca di parlarne faccia a faccia con lui o lei e di vedere quale atteggiamento ha. Se dà delle motivazioni sfuggenti, forse ha più paura di impegnarsi che di fare coming out.

  • Come risolvere il problema

Il primo e più importante passo per risolvere questo problema è ammetterlo! Molte persone non ritengono di avere un problema e si giustificano dicendo di essere “fatte così” o di essere portatrici di determinate concezioni dell’amore. “Non credo nell’amore”, “non sono monogamo/a”, sono tipiche frasi che nascondono una paura di impegnarsi.

Prendere coscienza di avere un problema emotivo è il primo passo; il secondo è affrontarlo di petto. Queste discussioni sorgono spesso all’interno di una relazione che avrebbe tutte le carte per essere felice. È raro, infatti, che il problema si ponga quando si vivono amori superficiali. Per questo il terreno è già buono per provare a lasciarsi andare.

Come con qualsiasi problema, la via migliore per affrontare la paura di impegnarsi è la gradualità. Non serve passare dal nulla più totale a una proposta di matrimonio che ci si rimangerà seduta stante: ma piccoli e continui passi verso la fiducia possono fare la differenza.

Anche lavorare sull’autostima è un passaggio importante: più fiducia si ha in se stessi, meno si è vittime delle proprie paure irrazionali. Iniziare un lavoro di introspezione psicologica insieme al partner o meglio ancora con un terapeuta, è una preziosa occasione di dire “basta” alla catena della sfiducia e delle fughe.

L’espressione dei sentimenti è qualcosa che va imparato. Da parte vostra, se siete il partner più emotivo della coppia, cercate di avere pazienza e rispettare l’altro. Le persone che hanno paura di impegnarsi non sono sempre dei mostri, anzi: potrebbero essere molto più delicati di voi.


In alto