News

Governo regionale senza siracusani, Noè (Assoporto Augusta) scrive a Schifani: “Rappresenti il nostro territorio”

AUGUSTA – È stato presentato alla stampa ieri a Palermo dal presidente della Regione, Renato Schifani, il nuovo governo regionale. Una prima reazione locale arriva dalla presidente di Assoporto Augusta, Marina Noè (nella foto di repertorio in copertina), che scrive una lettera aperta al governatore proclamato lo scorso 13 ottobre, una volta preso atto che “il territorio di Siracusa ancora una volta risulta orfano di rappresentanza nella giunta di Governo, in buona compagnia con la provincia di Ragusa“.

Ci aspettiamo quindi che Lei, On. Schifani, assuma la rappresentanza del nostro territorio e determini politiche di sviluppo per le materie portuali – auspica la presidente dell’associazione di operatori portuali augustani – Il mare è la risorsa più importante o tra le più importanti della nostra Regione, ci auguriamo pertanto che gli venga attribuita la necessaria priorità“.

Ad oggi il sistema industriale siracusano vive una fortissima crisi legata all’instabilità di processi produttivi importanti come quello della Lukoil – prosegue commentando la cosiddetta vertenza Siracusa, alla vigilia del tavolo tecnico convocato a Roma dal ministro Adolfo Urso – che, se non risolta in via definitiva e considerata l’interconnessione con gli altri stabilimenti, provocherà un disastroso effetto domino, con ricadute occupazionali e con diminuzione dei prodotti energetici che oggi partono per tutto il paese.  Certo sarebbe una beffa indicibile, in questo momento in cui gli stessi prodotti scarseggiano. Occorre mettere a riparo il tessuto esistente e puntare con forza verso nuovi investimenti, pubblici e privati. Crediamo con forza che sia venuto il momento in cui Eni ricominci ad investire nel nostro territorio con progetti legati ai prodotti del futuro“.

Oggi la Sicilia avrebbe potuto rappresentare un punto di forza in questa crisi derivata dalla guerra in Ucraina, se solo si fosse realizzato il rigassificatore – sottolinea Noè – promosso ormai oltre dieci anni fa proprio dall’ex Isab, oggi Lukoil. Così come è necessario attivare ogni utile azione al fine di diminuire la necessità d’importazione del gas dai paesi esteri ed in questo la Sicilia potrà dare un grosso contributo considerato che è ricca di giacimenti“.

Dobbiamo tornare, nel rispetto delle norme, ad investire nei porti siciliani – conclude – attivando, se è il caso, anche una cabina di regia con le competenti autorità di sistema, per coordinare il piano dei trasporti regionale. Dobbiamo puntare sui porti strategici per il nostro paese ed Augusta è certamente uno di questi. Gentile presidente, cogliamo questa occasione per invitarla a visitare il porto di Augusta e i suoi tanti operatori economici“.


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2022 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Salvatore Pappalardo
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2022 La Gazzetta Augustana.it

In alto