Politica

Richiesto dal consigliere Di Mare lo sgombero dei locali dell’ex scuola di via Adua

AUGUSTA – Ad oltre un mese dalla questione sollevata da La Gazzetta Augustana.it, con l’articolo del 14 gennaio (vedi articolo), viene presentato un esposto sull’occupazione abusiva dell’androne dell’immobile privato in via Adua, che fino a qualche anno fa ospitava le classi del Liceo “Megara”. Lo presenta il consigliere comunale di #perAugusta, Giuseppe Di Mare, che aveva già segnalato lo stato di degrado dell’area nella seduta consiliare del 15 gennaio.

inserzioni

Ormai da più di un anno l’illegale occupazione dell’androne dell’ex sede della scuola di via Adua e del relativo marciapiede va avanti senza nessun intervento dell’Amministrazione comunale. Stamane – comunica Di Mare – ho presentato una denuncia al Prefetto, al Questore, al Presidente della Regione, alle forze dell’ordine ed a tutti gli organi competenti perché si ponga fine ad una situazione che è diventata pericolosa, illegale e di profondo degrado urbano“.

Nell’esposto, il consigliere rileva che l’immobile è occupato da “una decina di persone non identificate“, confermando le condizioni di “forte impatto sociale in cui vivono” ed evidenzia il quadro “illegale e pericoloso, con condizioni sanitarie che non si possono tollerare“. Richiede pertanto alle suddette autorità di “intervenire urgentemente, anche in sostituzione dell’amministrazione comunale, ognuno per le proprie competenze a tutela dell’incolumità e della salute dei cittadini e degli stessi occupanti, per sgomberare l’area e ristabilire l’ordine e la sicurezza nella stessa“.

Da diverso tempo sollecito l’intervento da parte dell’Amministrazione, anche in questo caso rimasta inerme, l’ultima volta – ricorda il consigliere – il 15 gennaio scorso allorquando l’assessore al ramo mi rispose che “da una settimana non facciamo altro che occuparci del problema…”, visti i risultati ed il passare del tempo ho deciso di inviare una denuncia, evidentemente qualcuno non ha il coraggio o la responsabilità di intervenire“.

La proprietà dell’area non rappresenta un problema quando si tratta di pericolo sanitario, di ordine pubblico – prosegue Di Mare –, il Sindaco ha gli strumenti ed il potere di intervenire attraverso gli organi competenti per porre rimedio e ripristinare il rispetto della legalità e di condizioni sanitarie e di ordine pubblico non di pericolo per la cittadinanza“.

Il consigliere di #perAugusta conclude puntando il dito contro l’Amministrazione pentastellata: “Si tratta di una pagina incresciosa, per gli stessi occupanti che vivono in condizioni di forte degrado e pericolo per la loro salute tollerare con comportamenti omissivi queste condizioni è da irresponsabili. Essere a conoscenza da circa un anno di questa situazione e non esser stati in grado di porvi rimedio a tutela degli abitanti della zona, del degrado della Città e delle condizioni sanitarie di tutti, ancora una volta fa capire come questa Amministrazione non riesca a risolvere i problemi reali della Città“.

(Nella foto in evidenza: l’androne dell’immobile occupato, il 24 febbraio)


archeoclubmegarahyblaea
In alto