Politica

Augusta, definanziati 4 cantieri lavoro regionali per disoccupati. Triberio solleva il “caso”, Di Mare replica

AUGUSTA – L’Assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro revoca finanziamenti per circa 233mila euro, concessi il 12 ottobre 2021 al Comune di Augusta, che erano finalizzati all’istituzione di quattro cantieri di lavoro per 34 cittadini disoccupati. A mostrare i relativi decreti dirigenziali di revoca (datati 9 novembre 2022), è il consigliere comunale d’opposizione Giancarlo Triberio, nel corso di una conferenza stampa tenuta stamani, contestando il mancato avvio dei lavori da parte dell’ente locale che avrebbe determinato la “grave perdita di quattro finanziamenti” regionali a valere sui fondi europei del Piano d’azione e coesione (Poc 2014-2020).

Il consigliere comunale ha ricordato che si trattava di una “possibilità di lavoro per trentaquattro persone disoccupate, trenta operai e quattro tecnici, in un momento di crisi gravissima per il nostro Triangolo industriale“. Non solo. Triberio ha sottolineato che sarebbero state impiegate per realizzare quattro opere pubbliche, e segnatamente per mettere in sicurezza i cordoli dei giardini pubblici e del cimitero comunale, la recinzione della cittadella degli studi, dove insistono il liceo “Megara” e l’istituto comprensivo “Principe di Napoli”, e la recinzione delle scuole “Todaro” e “Costa”.

All’avvio della procedura di revoca dei finanziamenti, notificata al Comune il 21 settembre scorso, l’ente locale “non ha prodotto, entro i termini assegnati, alcun riscontro a quanto comunicato“, come si legge nei decreti. Triberio ha commentato sarcastico: “Alla faccia dello slogan ripetuto dal sindaco fin dal suo insediamento: ‘Quest’Amministrazione non farà perdere un euro agli augustani’“.

Il sindaco di Augusta è assente sulla problematica occupazionale legata alle crisi Lukoil e Ias – chiosa il consigliere d’opposizione, anche in merito al corteo sulla vertenza del Petrolchimico svolto ieri a Siracusa dove la soluzione devono trovarla i suoi riferimenti politici, e cosa ancora più grave è “assente” quando tocca alla sua amministrazione farsi parte attiva per alleviare il problema disoccupazione nella sua città“.

Dal canto suo, il sindaco Giuseppe Di Mare replica parlando di “farneticanti e false dichiarazioni del consigliere“, che definisce “disinformato“. Fa sapere, nel merito, che “il Comune da subito si è attivato per avviare i cantieri mettendo in atto tutte le azioni propedeutiche previste dalla legge. Purtroppo, nonostante le proroghe richieste dal Sindaco e ottenute dalla Regione, ben cinque avvisi per la ricerca della D.l. (Direzione lavori, ndr) sono andati pressoché deserti (probabilmente il Superbonus ha inciso) e per chi conosce la legge sa che si tratta di elemento imprescindibile per andare avanti“.

Abbiamo anche chiesto una deroga regolamentare per la D.l., che purtroppo non si può concedere in quanto le caratteristiche previste dalla legge non sono derogabili“, riferisce il sindaco. Nell’ultima richiesta di ulteriore proroga dei termini, presentata a sua firma il 2 marzo scorso, motiva che “ad oggi, nonostante i numerosi tentativi, non si è riusciti a reperire i quattro Tecnici cui conferire l’incarico di direzione dei lavori“.

Cerchi l’inefficienza in chi lo accompagna nel suo percorso, in quei colori politici che hanno da sempre amministrato la nostra città, esclusa la parentesi 5 Stelle – replica ancora Di Mare – che di fatto hanno portato la nostra Augusta all’abbandono che noi stiamo provando a trasformare“.

(Nel collage di copertina, da sinistra: il consigliere comunale Giancarlo Triberio e il sindaco Giuseppe Di Mare)


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2022 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Salvatore Pappalardo
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2022 La Gazzetta Augustana.it

In alto