Politica

Augusta, inizia il 23 novembre la nuova consiliatura. Subito il nodo politico del presidente del consiglio

AUGUSTA – Si aprirà lunedì 23 novembre alle ore 18,30 la nuova consiliatura, con i 24 consiglieri eletti pronti a giurare e a insediarsi nell’aula di palazzo San Biagio. La prima seduta è stata convocata dalla presidente del consiglio comunale uscente, Sarah Marturana, che lascerà il compito di presiedere temporaneamente l’aula al consigliere anziano (eletto con il maggior numero di voti) Biagio Tribulato. La seduta si svolgerà a porte chiuse, a causa delle restrizioni per l’emergenza Covid.

Un abbraccio virtuale a tutti voi – ha scritto Marturana sulla sua pagina social – vi auguro le tante e bellissime emozioni che ho avuto il piacere di condividere in questi ultimi 3 anni da Presidente del Consiglio e da consigliera. Continuerò ad essere sempre disponibile al dialogo, alla proposta ed al miglioramento della nostra splendida Città“.

Come di consueto, prima presteranno giuramento e si insedieranno ufficialmente i ventiquattro consiglieri, proclamati (a seguito di lavori di verifica conclusi dall’Ufficio centrale il 9 novembre) a mezzo notifica cartacea ritirata al palazzo municipale nei giorni scorsi. Poi l’ordine del giorno ne prevede la convalida e la verifica dell’esistenza di eventuali casi di incompatibilità.

Arriverà quindi il primo banco di prova politico per l’amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Di Mare, consigliere uscente, a fronte dei soli 5 consiglieri che attualmente rappresentano la sua coalizione. Il consiglio comunale dovrà eleggere presidente e vicepresidente, oggetto a quanto pare di febbrili trattative politiche in questi giorni tra i diversi e compositi gruppi di consiglieri. Dai due nomi che emergeranno si avrà una prima indicazione dei numeri reali su cui potrà contare in aula la nuova amministrazione.

Dopo, il neo sindaco Giuseppe Di Mare presterà a sua volta giuramento dinanzi al civico consesso e presenterà la sua giunta.

Ricordiamo che l’Ufficio centrale, applicando la legge elettorale, non ha assegnato premio di maggioranza, “bloccato” dal superamento del 50 per cento dei voti validi al primo turno, a seguito di apparentamenti, della coalizione a sostegno del sindaco perdente, Pippo Gulino, a cui spetta di diritto lo scranno di consigliere comunale.

Pertanto i consiglieri comunali eletti nella coalizione a sostegno dell’attuale sindaco Di Mare sono 5:  Marco Stella (CambiAugusta); Paolo Trigilio e Francesco La Ferla (100 per Augusta); Andrea Lombardo e Rosario Sicari, che è anche assessore (Destinazione futuro).

I consiglieri eletti nella coalizione a sostegno di Gulino, estesa a cinque liste civiche a seguito di apparentamenti, sono 13 più lo stesso Gulino: Milena Contento, Giuseppe Assenza, Mariangela Birritteri e Giuseppe Montalto (Nuovo patto per Augusta); Salvatore Serra, Corrado Amato e Maria Grazia Patti (Civica per Augusta); Marco Niciforo e Salvatore Errante (Augusta 2020). Per le due liste apparentate (al primo turno a sostegno di Carrubba, giunto terzo): Giancarlo Triberio e Roberto Conti (Democratici e progressisti); Biagio Tribulato e Margaret Amara (Attiva mente).

I consiglieri comunali eletti nella ulteriore lista a sostegno di Carrubba, “Augusta coraggiosa“, non apparentata, sono 2: Giuseppe Tedesco e Manuel Mangano.

Infine i 3 consiglieri comunali del Movimento 5 stelle (a sostegno del sindaco uscente Di Pietro, giunta quarta), unico partito nazionale che ha visto consiglieri eletti: Marco Patti, Roberta Suppo e Chiara Tringali.


In alto