Politica

Augusta, liste d’attesa, il consigliere Canigiula segnala: “Colonscopie al 2022 e gastroscopie al 2021”

AUGUSTA – Plauso da parte del consigliere comunale Enzo Canigiula, che spesso ha acceso i riflettori sul tema dell’ospedale di Augusta, a “tutti coloro che hanno contribuito e si sono adoperati affinché venisse realizzato quanto previsto dalla Legge regionale 10 del 2014“, cioè l’articolo 8 che istituì il Centro regionale amianto al “Muscatello”, inaugurato una settimana fa dal presidente della Regione, Nello Musumeci.

Ma il consigliere di minoranza invita a “guardare l’altra faccia della medaglia; quella che presenta criticità non proprio edificanti per il buon nome del nostro ospedale“. Si riferisce in particolare alle lunghe liste d’attesa per colonscopie e gastroscopie.

Invita alla risoluzione dell’ “annoso problema della presenza di un solo endoscopista che comporta liste di attesa che si protraggono addirittura al 2022 per ciò che riguarda le colonscopie e i primi mesi del 2021 per ciò che riguarda le gastroscopie“.

Tra le altre criticità evidenziate da Canigiula, ci sono: “la mancata sostituzione dell’unica, storica fisioterapista, oramai posta in pensione“, “l’acquisto del nuovo strumento per la risonanza magnetica dovrebbe far riflettere sul fatto che “fisioterapia” dovrebbe essere addirittura potenziata“; inoltre, a suo dire, “sembra che problemi di budget stiano portando alla riduzione delle ore lavorative degli ausiliari“.

inserzioni

Non sono problemi insormontabili come si può ben immaginare – conclude il consigliere comunale – ma la sfera della Sanità è alquanto complessa e noi augustani lo sappiamo bene. Sono certo che chi di dovere, ovviamente il riferimento è all’assessore Razza, saprà intervenire. Perché tutto ciò, se dovesse essere oggetto di ricerca di soluzione, o meglio fosse risolto in tempi brevi, sarebbe una vittoria per tutti“.


inserzioni inserzioni
In alto