Politica

Augusta, verso le amministrative, Pasqua e Tribulato: “Non escludiamo di esprimere un candidato sindaco”

AUGUSTA – “Abbiamo improntato la nostra attività in consiglio comunale al servizio della gente, promuovendo tutta una serie di attività a favore del sociale, suggerendo all’Amministrazione comunale proposte che andassero in questa direzione e proponendo iniziative che andassero incontro alle esigenze della popolazione, come quella di risolvere in tempi brevi la drammatica crisi idrica nel centro storico, il potenziamento dell’ufficio anagrafe, attualmente presidiato solo da tre impiegati, l’apertura nel pomeriggio della biblioteca comunale…“. “E da quest’Amministrazione non abbiamo ricevuto altro che “porte in faccia”“. Questo è il j’accuse contro la Giunta pentastellata, lanciato stamattina alla conferenza stampa di bilancio sull’anno appena concluso da parte dei consiglieri comunali d’opposizione Angelo Pasqua e Biagio Tribulato, eletti nel 2015 nella lista civica “Attivamente”, già pronta a scendere in campo per le amministrative che dovrebbero tenersi quasi certamente a fine maggio prossimo.

Infatti, sul tema delle candidature a sindaco per le prossime elezioni, i consiglieri hanno riferito, entrambi, che “in questa fase non abbiamo preso decisioni, ma stiamo analizzando quali possono essere le ipotetiche candidature”. “Non si esclude – hanno aggiunto – che la lista Attivamente esprimerà un candidato sindaco”.

In merito alla irrisolta crisi idrica nell’Isola, con l’acqua non potabile dal 25 ottobre scorso, “avevamo chiesto all’Amministrazione di farsi carico del problema ricorrendo alla procedura, perfettamente legale, della somma urgenza, ma l’Amministrazione non ha voluto ascoltarci“, hanno affermato Pasqua e Tribulato sostenendo che “si poteva tecnicamente realizzare un pozzo nuovo realisticamente in venti giorni, mentre sono già passati quasi tre mesi e il problema dell’acqua torbida, non potabile, rimane in tutta la drammaticità, con l’aggravio delle spese per l’acquisto di acqua in bottiglie e di pulizia dei serbatoi già deteriorati dai detriti fangosi“.

I consiglieri Pasqua e Tribulato hanno fatto sapere di aver devoluto complessivamente la somma di circa 10.500 euro, pari ai gettoni di presenza percepiti per le sedute consiliari e di commissione in questi quattro anni e mezzo di mandato, a tutta una serie di associazioni cittadine che si muovono a favore dei disabili, dei giovani, degli studenti, degli sportivi, alle associazioni dei commercianti per le feste in piazza. A tal proposito, hanno chiesto, “in nome della trasparenza“, all’Amministrazione comunale di pubblicare nomi dei consiglieri e importi sul portale telematico del Comune, ma “non è stata data risposta alla nostra richiesta”. “Abbiamo deciso – ha precisato infine Pasqua – che da oggi non doneremo più i nostri di gettoni di presenza, non solo perché siamo andati oltre, ma soprattutto per stabilire che noi non facciamo campagna elettorale con i nostri gettoni di presenza“.


scuolaopenday
In alto