Politica

Urbanistica e Progetti obiettivo, duro attacco di Pd e Fp Cgil: “Giunta M5s allo sbando”

AUGUSTA – Nella seduta del Consiglio comunale di martedì 12 luglio, dopo le interrogazioni sul grave problema idrico che ha afflitto la città, in particolare tra maggio e giugno, si è affrontato l’ordine del giorno dedicato al quinto settore Urbanistica, ponendosi l’obiettivo di individuare “soluzioni immediate per il suo funzionamento”, come da convocazione.

Rendono pubblica la propria insoddisfazione, attraverso una nota congiunta, il consigliere comunale di opposizione Giancarlo Triberio, segretario cittadino del Pd, e il segretario generale Fp Cgil Franco Nardi.

I due criticano gli amministratori pentastellati, accusandoli di aver “evitato con cura di delineare una benché minima linea di condotta politica o progettuale in materia, limitandosi esclusivamente a scaricare le loro incapacità politiche ed amministrative sia sui partiti d’opposizione che contro, stranamente e inspiegabilmente, le organizzazioni sindacali“.

Il consigliere Triberio sottolinea che il Consiglio comunale sull’ufficio Urbanistica è stato “fortemente voluto dai consiglieri di minoranza“, a seguito delle ripetute iniziative dei tecnici e professionisti del settore, che hanno “cercato di dare suggerimenti e proposte per migliorare le difficili condizioni dell’ufficio condotto da un all’esiguo numero di lavoratori, molti dei quali a tempo determinato ed orario ridotto“, per un Ufficio “sempre più incapace di pianificare interventi per il territorio e dare risposte concrete alla comunità augustana“.

Il segretario del Pd evidenzia i possibili risvolti occupazionali: “Anche i lavoratori  vivono con estremo disagio la cattiva organizzazione dell’Ufficio, non riuscendo a dare seguito alle tante pratiche e progetti che continuano a giacere negli uffici dell’Urbanistica, interi mesi se non anni, determinando anche gravi danni a quella economica cittadina che invece potrebbe trarre vantaggio da una serie di interventi di ammodernamento del precario patrimonio edilizio cittadino, creando così le condizioni sia per un rilancio dell’economia cittadina che per creare opportunità di lavoro per i tanti disoccupati. La giusta organizzazione dell’Ufficio porterebbe inoltre cospicui fondi pubblici e privati alle casse dell’amministrazione comunale“.

Fa eco alla dura replica rilasciata mercoledì dal segretario generale della Fp Cisl, sostenendo: “Durante il Consiglio comunale, la sindaca Di Pietro, senza entrare mai nel merito dei problemi sollevati, ha pensato di scaricare le proprie responsabilità additando esclusivamente le organizzazioni sindacali per le colpe sul cattivo funzionamento dell’ufficio Urbanistica, accusando i sindacati di non aver firmato ancora i Progetti obiettivi dedicati proprio all’Ufficio“.

A riguardo, il segretario generale Fp Cgil Franco Nardi, è netto: “Quanto sostenuto dalla Sindaca è falso e pretestuoso, perché l’accordo sui Progetti è stato già sottoscritto durante le  discussioni tenute in delegazione trattante, così come si può evincere peraltro dai verbali“.

Ed aggiunge: “È alquanto paradossale pensare che un ufficio, che ha grosse difficoltà organizzative dovute soprattutto a carenze di personale e di tecnici e che non riesce a garantire situazioni ordinarie, possa dare risposte alla cittadinanza soltanto attraverso l’ausilio dei Progetti obiettivi. I Progetti servono a migliorare ed ad integrare i servizi che vengono forniti alla cittadinanza, cioè servono a migliorare ed ad integrare, non possono comunque essere lo strumento per garantire i servizi secondo quanto ha fatto intendere la Sindaca. I servizi alla cittadinanza vanno sempre e costantemente garantiti, per poi essere migliorati ed integrati attraverso i Progetti obiettivi“.

Nardi rincara la dose nei confronti dell’Amministrazione pentastellata: “A seguito di tali infondate e gratuite accuse fatte nei confronti del sindacato, segnaleremo alla Corte dei conti di vigilare su come questa amministrazione fa un uso distorto di denaro pubblico, nel caso di specie riteniamo che i Progetti obiettivi devono migliorare e rendere più efficienti i servizi, e non possono essere utilizzati invece per mascherare evidenti carenze organizzative e funzionali degli uffici. Quanto dichiarato dalla Sindaca non è altro che il risultato di una grande incapacità politica ed amministrativa della sua amministrazione. La Sindaca pensa di scaricare su altri soggetti colpe e ritardi che stanno lacerando profondamente sia l’impalcatura organizzativa dell’amministrazione comunale che l’economia della città“.

Nella nota congiunta, Triberio e Nardi concludono: “I consiglieri comunali di minoranza hanno intanto presentato una mozione ricca di proposte utili a sanare l’attuale fase di stallo, permettendo ai lavoratori di operare nelle condizioni migliori per dare effettivo corso alle pratiche e consentire di riavviare il funzionamento di questo settore vitale per tutta la cittadinanza di Augusta. Nel frattempo, ci auguriamo che la locale Giunta M5s possa trarre occasione, da questa vicenda, per meditare sulle falle, sempre più evidenti, di una gestione della cosa pubblica sin qui deficitaria e del tutto assente nella risoluzione dei veri problemi della nostra città, evitando infine di gettare discredito sugli onesti cittadini per avocare da sé ogni colpa: un triste spettacolo di un governo cittadino ormai allo sbando, palesemente inadatto a guidare Augusta verso un positivo cambiamento e nuovi futuri traguardi di sviluppo“.


getfluence.com
In alto